Cronaca

Siracusa, colpi a salve contro un uomo. Denunciati due fratelli

SIRACUSA – La Polizia ha identificato i due presunti autori del gesto intimidatorio compiuto martedì scorso in via della Giudecca a Siracusa. Sarebbero due fratelli i responsabili dei colpi esplosi a salve all’indirizzo di un uomo di 49 anni, che aveva trovato rifugio all’interno della chiesa di San Filippo Apostolo.

Nel tardo pomeriggio del 13 settembre Volanti e Squadra Mobile hanno raggiunto il centro storico dopo una segnalazione di esplosione di colpi di arma da fuoco. In base alle informazioni raccolte dagli agenti, un uomo a piedi sarebbe stato aggredito da due soggetti che, scesi da un’autovettura, lo avevano inseguito, impugnando delle pistole. L’uomo si era rifugiato in chiesa e, dalle indagini immediatamente avviate, supportate dalla visione delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza della zona, la Polizia ha appurato che i colpi esplosi erano a salve. La vittima, rintracciata poco dopo nella sua abitazione, non aveva riportato ferite.

I presunti autori sono un uomo di 41 e di 38 anni. Sono stati denunciati per il reato di minacce aggravato dall’uso delle armi. I due fratelli, che avrebbero compiuto il gesto intimidatorio per dissapori  personali. Poi si sarebbero disfatti delle pistole a salve.

(Foto generica)


In alto