Cronaca

Siracusa, giro di vite sull’uso di software pirata nelle aziende, sanzione di quasi tremila euro a società di marketing

SIRACUSA – Le fiamme gialle siracusane hanno partecipato all’operazione di contrasto alla pirateria del software denominata “Underlicensing 3”, coordinata a livello nazionale dal Nucleo speciale tutela proprietà intellettuale della Guardia di Finanza.

Tra le aziende ispezionate a Siracusa, i militari della Compagnia di Siracusa hanno riscontrato irregolarità da parte di una società a responsabilità limitata del capoluogo operante nel settore della conduzione di campagne di marketing ed altri servizi pubblicitari, finalizzata al riscontro della regolare detenzione ed utilizzo dei software impiegati nell’ambito dell’attività economica.

Al termine dell’ispezione è stata riscontrata la irregolare installazione di quattro software senza aver provveduto al pagamento delle relative licenze d’uso, e, pertanto, si è proceduto al sequestro degli stessi e del personal computer su cui erano stati installati. Inoltre è stato segnalato all’Autorità giudiziaria di Siracusa il rappresentante legale della società per la presunta violazione alla legge n. 633 del 1941 (“legge sul diritto d’autore”) ed è stata, altresì, comminata una sanzione amministrativa pari a 2.894 euro. Mentre il valore di mercato delle licenze relative ai software sequestrati è pari a 1.447 euro.

Per eseguire tali interventi, nel team operativo messo in campo dal Reparto è presente lo “specialista” della Guardia di Finanza qualificato “Cfda – Computer forensics data analysis”, esperto nell’esaminare e rilevare anche i contenuti più remoti e nascosti nelle memorie virtuali dei supporti informatici, rendendo vani i frequenti tentativi di cancellare i programmi illegali dai computer, anche pochi istanti prima dell’ispezione.

A livello nazionale sono state eseguite, in contemporanea, 121 ispezioni presso le sedi di altrettanto società, finalizzate al riscontro della regolare detenzione ed utilizzo dei software impiegati nell’ambito delle varie attività economiche. Nel complesso sono stati denunciati 62 responsabili ed, in alcuni casi, è stata contestata anche la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati commessi nel loro interesse dagli amministratori aziendali.

(foto di repertorio)


In alto