News

Siracusa, igiene urbana: 30% di cassonetti colmi. Effetto dell’emergenza di ieri

SIRACUSA – 25 aprile con il 30% dei cassonetti colmi d’immondizia. Seppur minima, è questa la percentuale di pegno che la città paga all’emergenza lampo che ieri ha caratterizzato la sua igiene urbana: l’astensione dei netturbini al mattino, la ripresa dei lavori la sera. Con una ineluttabile défaillance a causa del ritardo accumulato e della chiusura alle 10 di oggi della discarica di Lentini in cui l’Igm conferisce.

L’astensione spontanea di 250 lavoratori dell’Igm (il 95%), a cavallo tra due giorni festivi, era nata per la mancata riscossione dello stipendio di marzo. Il comune si era discolpato di questo ritardo: “Ricordo – aveva dichiarato l’assessore comunale Pietro Coppa – che il termine per il pagamento del canone del servizio Igiene urbana scade alla fine del mese successivo. Pertanto nessuno può addebitare alcunché al Comune per il mese di marzo. Dobbiamo solo saldare una somma residua del mese di febbraio 2017, circostanza che non giustifica quanto accaduto”. Non va dimenticato che questo accade mentre è in corso un braccio di ferro tra Comune e azienda che alla scadenza della proroga dovrebbe lasciare il servizio: la nuova gara ha incoronato una nuova azienda, la Tech servizi, ma l’attuale gestore ha fatto ricorso e si attende da un giorno all’altro la sentenza dopo l’udienza al Tar di giorno 20. Da quando è aperto il contenzioso il Comune ha cambiato abitudine nei tempi di elargizione del canone, restando comunque negli obblighi di legge. Nella percezione dei lavoratori, però, questo si è tradotto in un ritardo che pesa nell’economia delle loro famiglie. E così l’astensione. Comunicata al Comune solo ieri alle 12, senza i 10 giorni di preavviso previsti dalla legge. Per questo Palazzo Vermexio si era appellato anche al Prefetto perché emettesse, nel caso, ordinanza straordinaria.

Ma nel pomeriggio l’incontro lavoratori-azienda e tutto si è risolto con il ritorno al lavoro in serata. Rimasto, come detto, il 30% dell’immondizia nei cassonetti anche perché oggi la discarica di Lentini è chiusa: pulite le zone centrali e turistiche (corso Gelone, Ortigia, zone balneari), meno altre zone tra cui quelle adiacenti il santuario.


In alto