News

Siracusa, nuovo colpo di scena nella vicenda appalto raccolta differenziata: Cga annulla il contratto con Igm

SIRACUSA – Annullato il contratto di appalto con cui il Comune di Siracusa aveva affidato il servizio di igiene urbana ad Igm. Il Cga, il Consiglio di giustizia amministrativa, ha infatti accolto il ricorso presentato dalla “Tech” spiegando nel dettaglio che “devono intendersi come non più efficaci, all’indomani della pubblicazione della presente sentenza, sia l’aggiudicazione disposta dal Comune di Siracusa in favore di Igm che il contratto di appalto sottoscritto dalle medesime parti”.

Si chiarisce inoltre che “ciascuno dei tre concorrenti andava escluso dalla gara con conseguente caducazione della medesima”. La Tech inoltre aveva indicato tra le richieste di annullamento della gara anche la mancata apertura da parte della commissione dell’Ufficio regionale gare e appalti di tre buste sigillate presentate da Igm riguardo l’offerta tecnica. La commissione regionale che si occupò della gara non ha aperto quelle buste che riguardavano il piano economico dei servizi di disinfestazione, la derattizzazione e la disinfenzione, con i servizi opzionali, il piano di investimento per l’acquisto di mezzi a basso impatto ambientale, poiché “non influenti sull’attribuzione dei punteggi previsti in modo analitico dal disciplinare di gara”, ma i giudici amministrativi hanno ritenuto invece che questo aspetto ha “minato la trasparenza dell’intera gara” ed ha favorito “Igm alterando la par condicio, nella misura in cui simile scelta ha impedito che maturasse una causa verosimilmente ad effetto escludente”.

Tra i rilievi addotti da Tech rispetto ad Igm anche la mancata dichiarazione di Igm delle penali applicate nei suoi riguardi per inadempimenti contrattuali nel corso del precedente rapporto che riguardava il servizio di spazzamento e pulizia.

Nel marzo del 2015, dopo la presentazione delle istanze, si è avviato un travagliato percorso con l’Urega, che dopo quindici mesi aveva assegnato la gara all’Ati Ambiente 2.0 formata dall’azienda milanese Aimeri e dalla Tech di Siracusa. Nel frattempo si era registrata l’esclusione e riammissione dell’azienda campana Tekra, su disposizione della Prefettura di Bari, poi riammessa alla gara. Igm aveva anche vinto il ricorso contro Ati Ambiente 2.0 ed il Tar con sentenza del 22 maggio dello scorso anno aveva escluso le due ditte, indicando che solo Igm era in possesso di tutti i requisiti previsti dal bando emesso dal Comune. Il 4 agosto del 2017 si era quindi provveduto alla firma del contratto con l’avvio del servizio affidato ad Igm.

Adesso questo colpo di scena, anche se dovrà restare la raccolta differenziata, ma bisognerà individuare una modalità per evitare il pagamento del trasporto dei rifiuti verso l’estero.

Intanto il sindaco Giancarlo Garozzo ha dichiarato che: “Il Cga della Regione Siciliana ha depositato oggi la sentenza che ha riformato la decisione del Tar di Catania, che aveva escluso dalla gara di affidamento del servizio di igiene urbana le altre due concorrenti. Il Giudice di secondo grado ha statuito che non è più efficace l’aggiudicazione del servizio a Igm Rifiuti Industriali ed il contratto stipulato il 4 agosto 2017. Il Cga ha ritenuto reticenti le dichiarazioni di tutti i concorrenti partecipanti alla gara e pertanto ne ha dichiarato l’esclusione. Il Cga ha censurato l’operato della commissione giudicatrice nominata dall’Urega, l’Ufficio Regionale Gare e Appalti della Regione Siciliana, che è incorsa in un errore non escludendo Igm Rifiuti Industriali dalla gara. È in corso una riunione dei responsabili del servizio di igiene urbana per individuare e determinare quali atti e procedure adottare nell’immediatezza, nelle more dell’indizione di una nuova gara. Non è un mistero che come Amministrazione non siamo assolutamente soddisfatti del servizio espletato dall’attuale gestore. Il servizio di igiene urbana trattandosi di servizio pubblico essenziale non può e non deve essere interrotto e pertanto verrà assicurato”.

(foto generica)


getfluence.com
In alto