pubblicità elettorale
News

Siracusa, operazione sul lavoro nero, dichiarazione del segretario della Fillea-Cgil

fillea cgil

Siracusa – Il segretario della Fillea-Cgil di Siracusa interviene in merito all’operazione dei Carabinieri del Comando provinciale sul lavoro nero. “A nome di tutto il gruppo dirigente provinciale della FILLEA-CGIL di Siracusa ringraziamo innanzitutto,le forze dell’ordine per l’ottimo lavoro svolto in queste ore – dichiara Carnevale – , a tutela della legalità , in particolare nel settore edile dove, lo ribadiamo spesso, il fenomeno del lavoro nero, sommerso e sottopagato è più che mai forte e più che mai presente. Fatte le doverose congratulazioni alle forze dell’ordine che ha operato anche grazie all’impulso della Direzione Territoriale del Lavoro con cui abbiamo da qualche tempo riallacciato ottimi e proficui rapporti sinergici e al quale ribadiamo la nostra totale disponibilita’, la conoscenza del settore e la nostra presenza nel territorio per contribuire in questa lotta senza quartiere ai delinquenti, non possiamo non constatare come , a prescindere dalle stupidaggini che ascoltiamo spesso in giro , il vero problema , specialmente nel settore edile non siano i costi contrattuali a stritolare le imprese, ma crediamo siano principalmente i mascalzoni che fanno concorrenza sleale a chi vuol far imprenditoria in maniera sana. Lo scandalo non sono i diritti dei lavoratori – aggiunge – ,ormai in costante riduzione e che spesso una oscena retorica spaccia per privilegi, ma è il ricatto occupazione del lavoro nero che impone ai lavoratori condizioni capestro e nessuna speranza di avere una situazione lavorativa più sicura e contrattualmente normale. Sembrerebbero cose scontate, ma l’operazione delle forze dell’ordine dimostra che liberalizzare o togliere troppi lacci e vincoli alle imprese ,come nel caso del depotenziamento del Durc ( denuncia unica regolarizzazione contributiva ) ,non risolve il problema burocratico e quello occupazionale (poiche sono altre le cose che possano contribuire a una miglior resa del settore , vedi investimenti pubblici, incentivi alle imprese sane,lotta senza quartiere alla corruzione e migliore regole negli appalti)ed aggrava la questione della legalità. La FILLEA-CGIL, purtroppo, non si ritiene meravigliata della operazione, anzi. Si tratta della traduzione pratica di quel che denunciamo spesso. Dal canto nostro, solo nell’ultimo mese abbiamo provveduto a 2 segnalazioni all’ispettorato del Lavoro e due segnalazioni di anomalie contributive ad altrettante stazioni appaltanti pubbliche. Dal canto nostro, insieme alle altre organizzazioni sindacali ,pensiamo di aumentare il pressing ed il controllo del territorio . Il passo successivo è la reale cooperazione tra gli enti istituzionalmente preposti al controllo e gli Enti Bilaterali dell’Edilizia a supporto. Noi continueremo – prosegue Carnevale –  nelle nostre battaglie e continueremo a sollecitare tutti ,ad una maggiore sensibilizzazione per far si che la famosa sinergia, come dicemmo qualche settimana fa in occasione della sigla del protocollo d’intesa tra DTL e CPT (ente partitetico edile per la sicurezza nei cantieri) , non rimanga su carta ma si sposti realmente sui cantieri cacciando i delinquenti e lasciando campo libero alle imprese sane”.


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto