News

Siracusa, riapre punto di distribuzione mastelli. Nei due mesi di chiusura, consegna a domicilio per 600 utenti

SIRACUSA – Dopo due mesi di stop in concomitanza con la “Fase 1” dell’emergenza Covid-19, da domani, lunedì 18 maggio, riapre il punto distribuzione dei mastelli di via Elorina 148, presso l’ex base Agip, sede anche degli uffici del settore Mobilità e Trasporti e della Protezione civile.

L’orario di ricevimento resta confermato dalle 7,30 alle 14. Gli utenti dovranno andare muniti di copia avviso Tari, copia del documento di riconoscimento e del codice fiscale dell’istante titolare Tari, o in caso di delega con copia del documento del delegante. Il punto distribuzione sarà regolamentato con il contingentamento degli accessi, lo snellimento delle procedure e il distanziamento sociale.

“Il punto distribuzione nei due mesi di emergenza – dichiara l’assessore all’Ambiente, Andrea Buccheri – è rimasto chiuso ed è stato sostituito dalla consegna a domicilio dei mastelli. Ne hanno usufruito oltre 600 cittadini che hanno ricevuto il kit al loro domicilio, proprio in corrispondenza della estensione del servizio di porta a porta nelle zone balneari, nelle cosiddette case sparse e nel quartiere di Grottasanta”.

Il Comune fa sapere attraverso un comunicato stampa che le richieste di consegna mastelli pervenute e non ancora esitate da Tekra saranno evase nei prossimi giorni. Con la rimozione dei cassonetti stradali in una parte del quartiere Grottasanta, nelle vie Tisia, senatore Di Giovanni, Pitia, Filisto, Tucidide, Corinto, Grottasanta, Servi di Maria, Alcibiade e limitrofe, il porta a porta è gradualmente iniziato in tutte le zone. L’Ente ricorda nel comunicato agli amministratori di condominio, e a quelle utenze commerciali che non lo avessero ancora fatto, di inviare la richiesta dei carrellati per poter ricevere le attrezzature per la raccolta differenziata.

“Continuano infine – conclude Buccheri – i controlli della Polizia ambientale per contrastare il fenomeno sull’illecito conferimento dei rifiuti. Con l’ausilio delle numerose fototrappole dislocate sul territorio, si stanno individuando tutti coloro che in modo difforme al sistema del porta a porta continuano a conferire i rifiuti dove una volta stazionavano i cassonetti. Questi controlli saranno intensificati anche nelle zone balneari e nelle campagne di Spinagallo, Capo Corso e Tivoli, spesso sede di abbandono di rifiuti da parte di residenti nei comuni limitrofi”.

(Foto di repertorio)


getfluence.com
In alto