News

Siracusa, rivivono le “streghe” siciliane nel libro di Marinella Fiume presentato alla biblioteca “Vittorini”

SIRACUSA – “La bolgia delle eretiche” è il titolo del libro di Marinella Fiume presentato giovedì 29 nella biblioteca-museo provinciale “Elio Vittorini” di Siracusa. Un libro che tratta la storia di donne siciliane che hanno realmente subìto i rigori dell’Inquisizione spagnola.

“Questo libro non vuole essere la consacrazione delle donne, ma la dissacrazione del potere”, ha affermato la Fiume. L’autrice ha anche sottolineato che in origine doveva trattarsi di un libro scritto a quattro mani, ricordando la compianta amica Maria Sofia Messana, studiosa dell’Inquisizione spagnola in Sicilia, che ha ringraziato per il materiale di ricerca fornitole. Marinella Fiume, netina, professoressa di Lettere, è stata anche sindaco di Fiumefreddo e nella sua carriera vanta altre pubblicazioni, alcune delle quali interamente dedicate alla storia di Mariannina Coffa, poetessa di Noto.

Ha moderato l’incontro con l’autrice il capo del quinto settore dell’ex Provincia, Antonella Fucile. Notevole l’interpretazione dell’attrice, dell’Istituto nazionale del dramma antico, Giulia Valentini, che ha dato voce a una delle protagoniste del libro, suor Gertrude Maria Cardovana. Toccante la rappresentazione del momento in cui la donna subisce la pena dell’ultimo rogo che il Santo Uffizio accende nel 1720. La Valentini si è alternata con Puccio Castrogiovanni, che ha cantato e suonato due pezzi della tradizione siciliana.

Tutte le donne del libro avevano forti personalità, in grado di ribellarsi al potere maschile del tempo, capaci di affermare il principio della libertà femminile, e della difesa dei propri ideali a costo della vita. Molti sono stati gli accostamenti con le forme di “inquisizione” moderna nei confronti delle donne, che finiscono sulla cronaca nera per i drammatici casi di femminicidio. Non a caso, la Fiume ha pronunciato una frase significativa: “Non dirmi che mi ami da morire, dimmi che mi ami da vivere”.

Nel corso della presentazione sono intervenute la presidente del Centro antiviolenza e antistalking “La Nereide” di Siracusa, Adriana Prazio, e Piera Bonaccorsi, ginecologa dell’ospedale di Acireale. Presenti tra il pubblico, l’ex assessore regionale Bruno Marziano, che ha espresso stima per la professoressa Fiume e apprezzamenti per il testo, e la referente di Augusta dell’associazione Naxoslegge, Mariada Pansera.

Cecilia Casole


getfluence.com
In alto