News

Siracusa, scompare Turi Raiti. Fu sindaco di Lentini negli anni ’90

SIRACUSA – Si è spento stamani nella sua casa a Siracusa, all’età di 73 anni, un protagonista della vita politica provinciale, Salvatore detto Turi Raiti. Sindaco di Lentini dal 1993 al 2002, un punto di riferimento per la sinistra provinciale, già segretario della Cgil siracusana, storico e fervente esponente del Partito comunista, dei Ds e del Pd provinciale e regionale.

Numerosi e bipartisan i messaggi di cordoglio che giungono in queste ore alle redazioni.

“Con Turi Raiti se ne va un pezzo di Sinistra siracusana, un uomo che per molti decenni è stato un protagonista del dibattito politico e sociale dalla parte dei lavoratori e delle vittime della mafia”. Con queste parole il sindaco di Siracusa, Francesco Italia esprime il suo cordoglio a nome personale e della città.

“Come segretario provinciale della Cgil – aggiunge il primo cittadino del capoluogo – Raiti è stato è stato in prima linea accatto ai braccianti e nell’affrontare i problemi della zona industriale negli anni in cui il petrolchimico era la locomotiva della provincia. Uno stile basato sull’impegno in prima persona, che ha mantenuto anche rispetto alla criminalità quando è stato tra i fondatori dell’Associazione antiracket e sindaco di Lentini durante gli anni ’90. Esprimo alla famiglia la vicinanza della comunità siracusana”.

“È stato uno degli ultimi esponenti di una classe dirigente lungimirante, animata dall’ideale della giustizia sociale e per questo in grado di superare i legittimi interessi particolari in vista dell’interesse generale”, questo un accenno del commosso ricordo espresso in una lunga nota di Alessio Lo Giudice, ultimo segretario provinciale del Partito democratico.

Bruno Marziano, già assessore regionale e presidente della Provincia, nonché storico dirigente sindacale della Cgil scrive: “Come sindaco di Lentini diede anche a me una grande lezione: che si poteva essere uomo di una parte e contemporaneamente rappresentare interessi generali delle popolazioni. Una lezione che portai con me nella mia esperienza come presidente della Provincia di Siracusa”.

“Coi lui e con il compianto Nino Consiglio sono cresciuto politicamente in una esperienza irripetibile – aggiunge Marziano – con passione sociale e civile d’altri tempi. Una passione e una competenza che gli è stata sempre riconosciuta da amici ed avversari nei vari ruoli, e sono stati tanti, che ha ricoperto con abnegazione e capacità nell’interesse di cittadini e territorio”.

“Tanti i confronti e l’unità di vedute, anche se di confederazioni diverse. Ci mancherà la sua visione sindacale a difesa del diritto al lavoro e per i lavoratori”, così anche la Uil territoriale Siracusa-Ragusa-Gela piange la scomparsa di Turi Raiti. “Una figura di spicco e di grande riferimento nel panorama sindacale territoriale – ricorda la Uil – con la quale per anni abbiamo condiviso diversi ideali sempre a sostegno di chi non aveva possibilità di occupazione, di chi ce l’aveva ma non godeva di sufficienti garanzie di sicurezza e di chi invece ne era alla ricerca dopo aver magari subìto una ingiustizia dal proprio datore. Spesso in prima linea anche per tante altre emergenze che hanno toccato il nostro territorio per decenni, ci mancherà un momento di importante confronto con l’amico Turi. Alla famiglia e a chi gli è stato particolarmente vicino in questi anni, il profondo cordoglio e un fraterno abbraccio da parte di tutta la Uil territoriale Siracusa-Ragusa-Gela”.


getfluence.com
In alto