Politica

Siracusa, spese di notifica delle multe: consiglio comunale approva variazione di bilancio

SIRACUSA – Nella serata del 22 settembre il  consiglio comunale, convocato con procedura di urgenza, ha approvato una variazione di bilancio per reperire le somme necessarie alle spese di notifica di 20mila verbali di violazione al codice della strada.

La seduta ha avuto carattere d’urgenza in quanto il provvedimento sarebbe scaduto lunedì prossimo, data oltre la quale non sarebbe stato più possibile chiedere il pagamento delle multe.

A spiegare la situazione in aula il comandante della Polizia Municipale, Enzo Miccoli, e il ragioniere generale, Giorgio Giannì, chiarendo che si tratta di un passaggio imposto dalla legge e che può avvenire solo attraverso Poste Italiane. La variazione approvata ammonta  a 231mila e 300 euro e il provvedimento è passato con 17 sì e 4 no. Approvata anche l’immediata esecutività con 16 sì e 3 contrari.

La proposta portava la firma dell’assessore al Bilancio, Nicola Lo Iacono, e due giorni fa ha superato il vaglio del nuovo collegio dei revisori del conti eletto martedì scorso. Al dibattito sono intervenuti Mauro Basile, Michele Mangiafico, Salvatore Castagnino, Franco Zappalà, Roberto Trigilio, Pamela La Mesa, Ferdinando Messina, Salvatore Castagnino.

Andando nello specifico, la parte più consistente della somme, circa 185mila euro, è stata prelevata da 3 capitoli del settore Mobilità destinati al miglioramento della circolazione, alla segnaletica stradale e alla Ztl; il resto dalla manutenzione stradale, dalla lotta al randagismo e dalle attività di esercitazione al tiro a segno della Polizia municipale prevista dalla legge.

I consiglieri Castagnino, Mangiafico, Zappalà e Costantino hanno rilevato nei loro interventi l’assenza dall’aula dei revisori dei conti su un provvedimento di variazione di spesa. In risposta, il presidente Moena Scala ha spiegato che erano stati invitati e il segretario generale, Danila Costa, ha chiarito che comunque la loro presenza per una delibera del genere non è prevista dal regolamento.

In apertura di lavori, il consigliere Castagnino, rilevando l’unicità di una convocazione di consiglio comunale di sabato, ha chiesto al presidente Scala di essere informato, nei prossimi giorni, dei costi della seduta.
(Foto generica)


getfluence.com
In alto