News

Siracusa, tender ritrovato da forze di polizia, armatore inglese trova modo per ringraziare la città

SIRACUSA – “È desiderio dell’armatore inglese dello yacht che ha subìto il furto del gommone tender, poi ritrovato, ringraziare la città e le forze dell’ordine, aprendo una raccolta fondi da destinare ad un’associazione che si occupa di infanzia negata”. La disavventura a lieto fine capitata ad un’imbarcazione ancorata a Siracusa avrà un risvolto bello e inatteso. Ad annunciarlo è Roberto Giuliana, responsabile dell’agenzia marittima che, insieme ai colleghi Giorgio Spadaro e Viviana Tito, si è occupato dell’accoglienza in città dell’imbarcazione battente bandiera maltese, offrendo tutti i servizi di cui necessitava.

Ma nella notte tra sabato e domenica qualcuno ha tranciato di netto il cavo che collegava il gommone alla barca, facendo perdere velocemente le tracce. “Sono stato svegliato alle 4 del mattino dal comandante (nella foto di copertina, ndr) che – spiega Giuliana – mi ha comunicato l’accaduto. Ho subito allertato la Polizia di frontiera che, con l’aiuto della Guardia di Finanza, nell’arco di poche ore, è riuscita a ritrovare il natante nella zona del fiume Ciane. Grazie al lavoro degli agenti e dei militari delle Fiamme Gialle, abbiamo così rimediato a quella che sarebbe stata una figuraccia per la nostra città, che avrebbe potuto avere conseguenze pesanti per la stagione diportistica. Sarebbe stata una cattiva pubblicità di cui avremmo fatto a meno anche se purtroppo non è la prima volta che simili fatti accadono”.

Siracusa è l’unica provincia siciliana senza casi di coronavirus e questo potrebbe indurre molti turisti a sceglierla quale meta per l’estate che sta per iniziare. “È necessario non sprecare questa occasione con condotte riprovevoli come quella di qualche giorno fa, che mi ha creato anche un certo imbarazzo personale nei confronti del personale dello yacht – sottolinea Giuliana – perché sono stato io a convincere l’equipaggio a scegliere la nostra città. Aver ritrovato e restituito il gommone ha fatto tornare il sorriso al comandante e ai suoi uomini che, invece di andar via subito, come avevano lasciato intuire in un primo momento, hanno deciso di rimanere qui per almeno altre due settimane. Significa che continueranno a spendere nelle nostre attività commerciali, contribuendo a rilanciare un’economia in crisi. Basti solo pensare che in una sola occasione al supermercato i membri d’equipaggio dello yacht (12 persone in totale) hanno fatto acquisti per circa 600 euro. Ne hanno tratto beneficio anche il settore dei trasporti e quello agricolo, visto che hanno affittato mezzi a due e quattro ruote per visitare le bellezze architettoniche e paesaggistiche della zona e che hanno acquistato prodotti biolocali come il limone Igp e la patata novella. Vorremmo che queste persone venissero a Siracusa anche più volte l’anno e non solo nel periodo estivo per un turismo davvero destagionalizzato. Ne gioverebbe il tessuto economico dell’intera provincia. Se poi il comandante riuscirà ad acquistare casa a Ortigia, come mi ha confidato, tanto meglio. Noi intanto continuiamo a lavorare per offrire un accoglienza sempre più calorosa a questi graditi ospiti nella speranza – conclude Giuliana – che simili fatti non si ripetano più”.


getfluence.com
In alto