Cronaca

Siracusa, titolare di un’autofficina denunciato perché smaltiva i liquidi nella fognatura comunale

SIRACUSA – Il titolare di una autofficina smaltiva liquidi derivanti dalla pulizia delle paerti meccaniche nelle rete comunale, causando l’inquinamento da idrocarburi e metalli vari della pubblica fognatura.

Il reato è stato accertato dalla squadra di Polizia Giudiziaria della sezione Polizia Stradale di Siracusa, in occasione di un controllo di polizia amministrativa avvenuto in una officina meccanica con sede nella zona alta della città. Recentemente gli operatori, nell’ambito dei periodici controlli agli esercizi commerciali della provincia, hanno effettuato un sopralluogo ad una officina di riparazione meccanica. In tale occasione hanno scoperto che il titolare di quest’ultima compiva alcune anomalie ed irregolarità nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti della lavorazione, violando la normativa vigente in materia di tutela ambientale. In particolare gli addetti della squadra di Polizia Giudiziaria si sono accorti che l’acqua reflua utilizzata assieme al solvente per la pulizia dei pezzi meccanici, anziché essere raccolta in un fusto e conferita ad una società per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi, come prevede la legge, veniva versata nella fognatura pubblica attraverso le grate poste all’interno dell’officina, creando un grave inquinamento per l’ambiente.

Considerato che l’irregolarità riscontrata rivestiva i caratteri di una presunta attività illegale continuativa, gli agenti hanno espletato un accertamento, congiuntamente con l’ufficio ARPA di Siracusa, consistente nel prelevare dalla rete fognaria, ove era stato immesso, un quantitativo del liquido derivante dal lavaggio dei pezzi meccanici dei veicoli in riparazione. Dalle analisi di tali campioni di liquido, effettuate dal personale specializzato dell’ARPA S.T. di Siracusa è risultato che in essi vi era una concentrazione di idrocarburi e metalli vari molto elevata rispetto alla norma. L’alta quantità di queste sostanze inquinanti nella pubblica fognatura avrebbe potuto creare un pericolo per la salute dei cittadini.

Il gestore dell’officina è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Nella denuncia è stato chiesto alla Procura della Repubblica di emettere un provvedimento di sequestro della vasca, in cui venivano lavati i pezzi meccanici, (dalla quale venivano poi scaricati i liquidi inquinanti nella rete fognaria), allo scopo di interrompere la reiterazione del reato.


getfluence.com
In alto