Politica

Avola, fondi dissesto idrogeologico, Luca Cannata replica a Vinciullo: “Sottratti da Regione perché li abbiamo già utilizzati”

AVOLA – “Non è vero che ad Avola sono stati sottratti oltre 5 milioni di euro dalla Regione, Vinciullo dovrebbe leggere meglio le carte per evitare di fare disinformazione”. Il sindaco di Avola, Luca Cannata replica così all’ex presidente della commissione Bilancio all’Ars, Vincenzo Vinciullo, che aveva lanciato l’allarme in merito a una presunta rideterminazione delle risorse assegnate nella precedente legislatura a Palermo sul dissesto idrogeologico.

L’ex deputato regionale aveva sottolineato che i fondi per la provincia erano stati ridotti da 42 a 17 milioni di euro con una differenza di 25 milioni di euro in meno, contestando il silenzio degli amministratori locali e citando sei Comuni aretusei interessati dalla “sottrazione”, tra i quali Avola. Accendendo i riflettori sul progetto riguardo la “realizzazione delle opere di difesa e salvaguardia costiera di Avola”, sceso da 15.825.968,49 euro a 10.801.968,49 euro.

“Non entro nel merito della delibera di Giunta e di ogni singola opera perché non di mia competenza – spiega il sindaco Cannata – ma per quanto riguarda Avola i 5 milioni di euro sono stati giustamente sottratti perché spesi per la realizzazione dell’opera. Quindi la rideterminazione dipende solo dal fatto che questi sono fondi già utilizzati e i lavori per gli altri 10 milioni di euro sono tra l’altro pronti per l’avvio. Nessuna sottrazione, dunque per Avola, ma la conferma di quanto fatto e finanziato, confermando la nostra capacità di progettare e realizzare investimenti per il territorio”.

“Non potevamo dunque ricevere soldi che abbiamo utilizzato, quindi Vinciullo – conclude il primo cittadino di Avola – eviti di lanciare allarmi quando i dati non corrispondono a verità perché questa disinformazione non aiuta né i tecnici né la cittadinanza”.


getfluence.com
In alto