Cronaca

Diportista sorpreso a pescare nel San Leonardo, sequestrati 200 chili di pesce

CARLENTINI – Ieri i carabinieri della Stazione di Carlentini sono stati impegnati, unitamente ai militari della Guardia costiera di Augusta, in un’attività di contrasto al fenomeno del bracconaggio ittico lungo il fiume San Leonardo.

Hanno sorpreso un catanese che, a bordo di un natante, esercitava la pesca con un rete da posta lunga circa 150 metri, munita di galleggianti alla cima superiore e di piombi a quella inferiore, attrezzo da pesca che non può essere detenuto da coloro che, essendo privi della prevista licenza, non sono abilitati ad esercitare la pesca professionale. A seguito di approfonditi controlli, hanno rinvenuto a bordo dell’imbarcazione circa 200 chili di pesce appena pescato, costituito prevalentemente da cefali e spigole, e accertato la mancata copertura assicurativa del motore fuoribordo utilizzato come propulsore del natante.

Si è proceduto pertanto al sequestro dell’attrezzatura illecita, mentre al pescatore di frodo sono state comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo pari a circa 2.000 euro. Il pescato, così come accertato da personale dell’Asp di Siracusa, non essendo stato conservato secondo i basilari criteri di freschezza stabiliti dalla normativa sanitaria, è stato ritenuto inidoneo al consumo alimentare e quindi smaltito in discarica autorizzata.


In alto