Archivio

Floridia, Bastante: “Approvare subito il bilancio di previsione”

cittàttive-LogoSempliceFLORIDIA – Il coordinatore di cittattive Giuseppe Bastante inteviene sul bilancio comunale che fino ad oggi non è stato ancora approvato dal consiglio comunale. “Il bilancio non è soltanto un insieme di numeri o uno strumento riservato agli esperti: esso influisce sul vivere quotidiano dei cittadini, dà l’impronta alla comunità e stabilisce le priorità in tanti settori diversi: dagli aiuti sociali – dichiara Giuseppe Bastante -, alla scuola, alle opere pubbliche, alle opportunità economiche e culturali ecc. E’, pertanto, imprescindibile la necessità di approvarlo sempre all’inizio dell’anno. Purtroppo anche quest’anno l’amministrazione guidata da Scalorino sfruttando le opportunità date dal Ministero dell’Interno, che con l’ennesimo decreto ha spostato il termine ultimo per la deliberazione del bilancio di previsione per l’anno 2014, lo ha rinviato a gli ultimi mesi dell’anno l’approvazione dello stesso.  Se il Ministero ha spostato la data ultima però non ha voluto significare che non lo si poteva approvare, tanti altri comuni, decisamente più virtuosi del nostro, hanno approvato da tempo i loro bilanci. Considerando lo stesso uno strumento fondamentale per programmare le attività dell’ente –continua Bastante -, l’unico sistema per chiamarlo strumento di programmazione è se viene fatto entro i primi giorni dell’anno, altrimenti non lo si può più chiamare di programmazione ma di rendicontazione. Il consiglio comunale che ha la prerogativa di essere l’organo di indirizzo proprio con il bilancio di previsione, in questo modo viene modo esautorato dal compito . Capisco che il Sindaco approfittando degli ennesimi rinvii stia utilizzando a suo piacimento tutte le risorse a disposizione con i dodicesimi nei vari capitoli, ma le conseguenze della mancata programmazione sono a danno della comunità. Giustificare lo slittamento della approvazione del più importante documento di programmazione economico/finanziario con la possibilità data dal Ministero è solo un modo per continuare a depauperare il Consiglio Comunale, già troppo spesso screditato dal Sindaco per giustificare le proprie incapacità amministrative”.

Salvo Pappalardo


In alto