News

Floridia, comitato pro Cancemi, presentato il rendiconto finale

FLORIDIA – Il 30 dicembre 2014, nei locali  di gabinetto del Sindaco del comune di Floridia, è stato costituito il comitato pro Giuseppe Cancemi. Il comitato si è prefisso come finalità la raccolta dei fondi necessari per l’intervento e la successiva riabilitazione negli Stati Uniti del piccolo Giuseppe Cancemi, un bambino affetto da tetraparesi spastica neonatale, una malattia che lo costringe sulla sedia a rotelle fin dalla nascita.

“Purtroppo, tale raccolta, conclusasi nel mese di dicembre 2015, non ha consentito al comitato di raggiungere la cifra indispensabile per sottoporre Giuseppe all’intervento chirurgico negli Stati Uniti. Di concerto con i genitori del suddetto minore – dichiarano i memebri del comitato -, quindi, il 5 gennaio 2016 è stato concordato di impegnare le somme raccolte dal comitato per effettuare l’operazione chirurgica in Germania, e precisamente presso la clinica “Kindeklinik” di Auschau, ove il costo per il medesimo intervento è inferiore, e di destinare le somme rimanenti per la riabilitazione e la fase post-operatoria. Ad oggi, però, nonostante su richiesta dei sigg.ri Cancemi e Pappalardo il comitato abbia anche prenotato per il piccolo Giuseppe un intervento presso la suddetta struttura ospedaliera che doveva essere eseguito il 28 aprile 2016, i genitori del piccolo Giuseppe non hanno inteso autorizzare il suddetto”.

“I predetti, peraltro, nel corso degli ultimi mesi, hanno in più occasioni manifestato la volontà di gestire direttamente gli importi della raccolta fondi. Ciò ovviamente non è possibile in quanto nell’atto costitutivo il comitato si è impegnato ad informare la popolazione sui risultati che sarebbero stati raggiunti, seguendo costantemente le procedure inerenti il progetto.  Il comitato, quindi, con una nota del 24 aprile 2016 ha invitato i genitori di Giuseppe a comunicare se era loro intenzione sottoporre il predetto all’intervento chirurgico per il quale è stata posta in essere la raccolta fondi, ad eseguire tutti gli accertamenti clinici propedeutici a tale intervento ed a prenotare il medesimo presso la struttura ospedaliera di cui sopra”.

“In risposta a tale nota, i sigg.ri Cancemi e Pappalardo, con una missiva del 6 maggio 2016 – aggiungono -, hanno comunicato al comitato la loro volontà di far operare il proprio figlio in Germania, attraverso l’ausilio del servizio sanitario nazionale tedesco. I medesimi hanno altresì assicurato che avrebbero prenotato l’intervento non appena sciolta la riserva in ordine alla questione neuropsichiatrica che interessava il figlio e che risultava ostativa all’esecuzione dell’intervento. Il comitato, tuttavia, non avendo avuto più alcuna notizia da parte dei genitori del piccolo Giuseppe e non potendo raggiungere lo scopo indicato nel proprio atto costitutivo, il 21 maggio 2016 ha stabilito di sciogliersi e di devolvere gli importi raccolti all’autorità governativa, affinché, ai sensi dell’articolo 42 del c.c., provveda alla destinazione dei medesimi, facendo in modo comunque che gli stessi siano in via prioritaria utilizzati per le esigenze connesse con l’operazione che dovrà affrontare il piccolo Giuseppe Cancemi e per le cure e la riabilitazione che lo stesso dovrà sostenere dopo l’intervento”.

“La prefettura di Siracusa, nondimeno, con un provvedimento emesso l’8 agosto 2016, ha aderito alla proposta del comitato ed ha quindi stabilito che la somma raccolta dal medesimo, pari ad euro 58771,34, sarà devoluta a favore del piccolo Giuseppe Cancemi per le cure sanitarie e la riabilitazione del medesimo e che la gestione dei suddetti importi avverrà sotto il controllo del Giudice Tutelare.
I componenti del comitato ritengono quindi in tal modo di avere interpretato la volontà di coloro che hanno partecipato a questa importantissima gara di solidarietà in favore di Giuseppe Cancemi e che l’utilizzo delle somme raccolte sarà caratterizzato nella massima trasparenza”.


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto