Politica

Floridia, i cortili delle abitazioni delle case popolari (Iacp) al buio. Il consigliere Carianni scrive all’assessorato regionale Infrastrutture

FLORIDIA – Da anni i cortili interni di tutte le abitazioni di edilizia economica e popolare di Floridia di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari non sono illuminati, motivo per cui il Consigliere  Comunale Marco Carianni, dopo aver effettuato un sopralluogo nel quale ha riscontrato la presenza di pali della luce fatiscenti, non funzionanti e molto pericolosi, ha scritto una missiva sia al presidente dell’Istituto Autonomo case Popolari per la Provincia di Siracusa per chiedere un intervento di manutenzione straordinaria per il ripristino dell’illuminazione sia all’Assessorato Regionale alle Infrastrutture per far sì che quest’ultimo vigili sulle azioni che l’I.A.C.P. svilupperà.

Il consigliere Carianni ha dichiarato quanto segue:” E’ una situazione che i residenti della zona sopportano da troppo tempo e ad oggi non è ancora stata risolta. Durante il periodo estivo i bambini che vivono in quel territorio hanno l’abitudine di giocare nei cortili, ma sono costretti a farlo al buio e senza sicurezza in quanto i pali della luce sono totalmente distrutti e rischiano di staccarsi. Sto lavorando anche ad una mozione che farò incardinare all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale con la quale chiederò di impegnare l’amministrazione Limoli a collaborare per ottenere una soluzione concreta e nel più breve tempo possibile. Devo ancora sentire gli altri gruppi consiliari, ma confido sulla loro sensibilità che hanno sempre dimostrato di avere sui temi di rilevante importanza. In campagna elettorale ho avuto diversi confronti con i residenti della zona che avevano chiesto il mio impegno per risolvere il problema e adesso, con questa lettera che ho rivolto agli organi competenti, spero di riuscire a dare loro una risposta seria e concreta. Solo così dimostreremo di essere un punto di riferimento e di esserci sempre: prima, durante e dopo le consultazioni elettorali”.


In alto