News

Floridia, inaugurata la sede della Croce Rossa Italiana

Floridia – E’ stata inaugurata questa mattina la sede della Croce Rossa Italiana del gruppo di Floridia. Alla cerimonia erano presenti le autorità civili, militari e religiose della città. Inoltre, erano presenti il Presidente del comitato provinciale Francesco Messina e la vice presidente regionale della CRI Maria Terranova. I locali sono stati benedetti dall’Arciprete della Chiesa Madre Don Antonino Loterzo. Il nastro è stato tagliato dalla vicepresidente regionale della CRI Maria Terranova.

Il primo cittadino Gianni Limoli nel suo intervento ha detto: “Oggi è una giornata dove c’è una inaugurazione di una sede importante che è quella della Croce Rossa. La Croce Rossa è un’associazione internazionale fondata nel 1864 a Milano ed è sotto il Patrocinio del Presidente della Repubblica. Significa che gli enti locali si mettono sempre a disposizione della CRI,  infatti, lo hanno dimostrato con questa sede. E’ stata sempre presente per quanto riguarda le esigenze dell’associazione, lo è ora e lo sarà sempre. Perché l’ente locale risponde al Presidente della Repubblica ancor prima che alle associazione e in particolar modo della CRI. Ci sono dei principi fondamentali importanti che comunque vengono portati avanti da quella che è la nostra responsabile qui a Floridia. Floridia è una sede molto importante per la Croce Rossa almeno per incominciare portare avanti con rispetto, responsabilità, l’abnegazione non indifferente  di tutti voi  oltre che dalla nostra responsabile. Cosa dire della CRI: L’umanità, la grande umanità  è alla base di tutto – aggiunge il sindaco Limoli –perché  è  nata in un momento in cui c’era bisogno di grande aiuto durante la guerra, continua oggi perché c’è grande bisogno di aiuto per la grave crisi sociale, economica  che noi stiamo attraversando e la Croce Rossa è al primo posto per aiutare tutti lo è stata sempre e continuerà ancora oggi con grande responsabilità e aiuta l’Amministrazione e noi chiediamo aiuto alla CRI in maniera particolare. Non solo questo, ma anche la grande neutralità che ha nei rapporti con la politica e che non deve essere mai politicizzata la CRI. Si deve tenere lontano da quelle che sono queste controversie che nascono e che non portano mai bene alla collettività. L’imparzialità: perché non cura soltanto i figli di persone o persone che stanno bene, cura tutti. Cura tutti senza distinzione di razza, colore, di età. L’Universalità, l’unità che c’è all’interno della CRI è qualcosa di ineguagliabile non ci sono distinzioni, non c’è professionalità che può portare avanti qualcuno e  far restare indietro qualche altro.  IO dico che per la nostra società, per la nostra regione e in particolar modo per la nostra Floridia la CRI è indispensabile”.

Subito dopo ha preso la parola il presidente del Comitato Provinciale della Croce Rossa Francesco Messina che ha dichiarato: “Poco fa il sindaco sottolineava l’importanza dell’azione della CRI sui vulnerabili. In questo momento il nostro comitato rappresenta agli occhi di tutto il mondo un’azione nei confronti dei vulnerabili che arrivano nel Canale di Sicilia. Quindi affronto un problema umanitario mondiale. MA questo a noi del direttivo di Siracusa non basta. Ecco perché ho il piacere di venire qui a rappresentare l’azione della CRI nei confronti dei vulnerabili del nostro territorio. Non vorrei che passasse che l’azione continua della CRI presso le banchine possa per un attimo distogliere l’importanza che la Croce Rossa ha sul territorio. In particolar modo ho il piacere che Floridia che è uno di quei gruppi gestiti con abnegazione nei confronti dei vulnerabili del territorio nel supporto. Quindi di conseguenza – aggiunge – la mia presenza qui ha un valore aggiunto quello di dimostrare che la CRI è presente in ogni parte del mondo laddove c’è un vulnerabile che ha necessità. Ringrazio di essere qui oggi perché abbiamo la possibilità di dare un volto a quella che è l’azione della CRI con la vostra presenza alle istituzioni. Spesso e volentieri a me chiedono chi sono? Cosa fa la CRI? E chi è l’esercito della Croce Rossa? Questo che abbiamo davanti è l’esercito che quotidianamente con la loro azione offre supporto a chi ne ha bisogno. La vicinanza alle istituzioni e le amministrazioni che ci contribuiscono dando una mano per noi è un elemento fondamentale. Ricordo sempre che per quanto  gestita la CRI come associazione oggi abbiamo un’identità diversa. La CRI nei territori si autofinanzia, si gestisce con lo stesso lavoro dei volontari e non c’è niente di più nobile  dietro questa attività”.

La responsabile del gruppo di Floridia della CRI Anna Sarnataro nel suo intervento ha sottolineato: “La Croce Rossa è importante sul territorio di Floridia. Noi oggi inauguriamo con gioia questa sede. Questa sede c’è stato dato in comodato d’uso gratuito dall’Amministrazione  Comunale. Questo è stato possibile grazie alla legge 196. Praticamente ciò che è stato tolto alla criminalità organizzata è stata data ad un’associazione di volontariato. Quindi lo Stato ha esercitato un’azione positiva non repressiva e che ha ridato alla collettività ciò che gli era stato tolto. Noi volontari di Croce Rossa sposiamo in pieno questo concetto di condivisione di bene comune perché vogliamo che la nostra sede sia una sede aperta alla comunità. Quindi non solo noi sosteniamo la comunità ma anche la comunità ha il nostro sostegno. Il gruppo di Floridia è costituito da circa 50 volontari e speriamo che sia un numero destinato a crescere in modo da diventare sempre più una presenza importante. Noi collaboriamo in maniera molto stretta con i servizi sociali del comune per un servizio al territorio e alla comunità. Abbiamo iniziato a fare dei corsi alla salute perché questo è uno degli obiettivi strategici di CRI anche perché pensiamo che il benessere dell’individuo debba essere un benessere non solo fisico ma anche un benessere sociale, un benessere anche mentale. La nostra collaborazione con i servizi sociali ci permette di operare sul territorio attraverso un’analisi di quelle che sono le criticità e i bisogni del territorio. Una particolare attenzione poniamo ai giovani perché non sono solo il nostro futuro ma sono anche il nostro presente e quindi dobbiamo cercare di fare crescere i giovani facendo sviluppare le loro capacità in modo che essi possono essere agenti di cambiamento all’interno delle nostre comunità. Le nostre comunità devono essere basate sul rispetto e sulla solidarietà e i nostri principi che sono i sette principi di Croce Rossa : Unità, Umanità, Universalità, Indipendenza, Neutralità, Volontariato e imparzialità sono i principi che ci guidano ogni giorno nelle nostre azioni perché il nostro motto che ci accompagna è quello di essere sempre più forti, sempre più incisivi sul territorio.


In alto