News

Floridia, selezionati 4 studenti per la fase successiva del concorso “Un poster per la pace”

FLORIDIA –  Rita Di Paola, I° Istituto comprensivo “De Amicis”, Sara Giuffrida, II° Istituto Comprensivo “A. Volta”, Elisa Coladi, IV Istituto Comprensivo “S. Quasimodo, Christopher Calafiore, Istituto Comprensivo di Solarino, sono stati selezionati per la fase successiva del Poster per la Pace organizzato a livello mondiale del Lions Club.

“Il Lions si apre a tutti e si configura come una sinfonia delle diversità – dichiara il presidente del Lions club di Floridia Salvatore Calafiore – , infatti se è vero che tante note non fanno una musica, è altrettanto vero che per fare una musica ci vogliono tante note e questo sarà possibile col contributo di tutti. I Lions del Club Floridia Val d’Anapo si impegneranno ad affrontare le nuove sfide e opereranno per creare nuove opportunità di servizio a favore degli altri. “ Il Service “ è ciò che ci caratterizza ma per fare ciò abbiamo bisogno di più idee e di più cuori che lavorano per l’associazione. Crediamo nella “ Cultura della Crescita Associativa “ e alla luce di questo come Presidente del Club Floridia Val d’Anapo con gioia e soddisfazione ho il piacere di comunicare che il nostro Club si è arricchito di dieci nuovi soci. Il 2016/2017 è l’anno del centenario, in occasione di quest’evento il nostro Club si concentrerà in tre aree chiavi: Giovani, Salute, Ambiente. Tra i vari service per quel che riguarda i giovani abbiamo programmato “Il Poster per la Pace“ che è alla sua 28° edizione. Secondo le statistiche sono più di 400 mila gli studenti che, ogni anno, si impegnano a partecipare a questo importante appuntamento che li stimola a riflettere su di un argomento importante, ma troppo spesso sottovalutato e non adeguatamente apprezzato come la “ Pace “. Ogni anno la manifestazione diventa sempre più seguita e apprezzata – aggiunge Calafiore -, significa che i Dirigenti Scolastici e i Docenti ne riconoscono l’alto valore educativo e didattico. La pace è generata dalla comprensione, tolleranza, amicizia e assistenza basata sulla fede che le persone, nonostante le difficoltà di razza etniche o di retaggio culturale, fanno parte della medesima umanità. Da parte mia e dei nostri soci non posso che ringraziare tutti per la preziosa collaborazione e la grande disponibilità che ci portano a raccogliere questi lusinghieri successi di partecipazione”.


In alto