Politica

Floridia, trasporto studenti pendolari, predisposto il regolamento comunale

FLORIDIA – I consiglieri comunali Salvo Burgio, Paolo Teodoro, Sandro Beltrami e Fabiana Gallo chiedono al presidente del consiglio comunale di convocare la seduta del civico consesso per approvare il regolamento per il rimborso alle famiglie degli studenti pendolari della compartecipazione al servizio di trasporto scolastico.  Il regolamento predisposto dai suddetti consiglieri è formato da due articoli. Nel primo articolo si legge che hanno diritto al rimborso previa richiesta scritta all’ufficio preposto gli utenti che presentano documentazione che attesta la spesa sostenuta. Mentre  il secondo articolo recita: “ A tutti gli aventi sarà rimborsata la differenza tra la quota fissa mensile e la somma pagata, per gli utenti di 16 anni di età. La differenza tra la quota fissa mensile e la quota di compartecipazione per fasce di reddito, come stabilito dall’apposito regolamento comunale per la disciplina per la compartecipazione dell’utente al costo effettivo del servizio del trasporto scolastico e alla somma pagata, per gli utenti oltre i sedici anni di età. Se la somma stanziata non fosse sufficiente a garantire il rimborso totale, la somma da rimborsare sarà ridotta in proporzione al quanto disponibile” .

Come si ricorderà il consigliere Salvo Burgio durante l’approvazione del bilancio di previsione 2016 ha proposto un emendamento, approvato all’unanimità, dove vengono stanziati 40 mila euro per il rimborso alle famiglie che hanno anticipato le somme   da settembre a dicembre.

Salvo Burgio, Paolo Teodoro, Sandro Beltrami e Fabiana Gallo chiedono al presidente del consiglio comunale di convocare la seduta del civico consesso per approvare il regolamento per il rimborso alle famiglie degli studenti pendolari della compartecipazione al servizio di trasporto scolastico.  Il regolamento predisposto dai suddetti consiglieri è formato da due articoli. Nel primo articolo si legge che hanno diritto al rimborso previa richiesta scritta all’ufficio preposto gli utenti che presentano documentazione che attesta la spesa sostenuta. Mentre  il secondo articolo recita: “ A tutti gli aventi sarà rimborsata la differenza tra la quota fissa mensile e la somma pagata, per gli utenti di 16 anni di età. La differenza tra la quota fissa mensile e la quota di compartecipazione per fasce di reddito, come stabilito dall’apposito regolamento comunale per la disciplina per la compartecipazione dell’utente al costo effettivo del servizio del trasporto scolastico e alla somma pagata, per gli utenti oltre i sedici anni di età. Se la somma stanziata non fosse sufficiente a garantire il rimborso totale, la somma da rimborsare sarà ridotta in proporzione al quanto disponibile” .

Come si ricorderà il consigliere Salvo Burgio durante l’approvazione del bilancio di previsione 2016 ha proposto un emendamento, approvato all’unanimità, dove vengono stanziati 40 mila euro per il rimborso alle famiglie che hanno anticipato le somme   da settembre a dicembre.


In alto