News

Floridia, un film per raccontare l’emigrazione in America. Il progetto promosso dall’associazione “Pulisena”

FLORIDIA –  E’ stato presentato durante una conferenza stampa del primo cittadino di Floridia Gianni Limoli, il programma del Natale ma anche il progetto dell’associazionePulisena” che consiste nella realizzazione di un film che racconta una storia di ingiustizia ma anche la storia di emigrazione e integrazione dei nostri connazionali che vivono in America . Alla conferenza stampa, infatti, erano presenti anche i nostri concittadini che da anni vivono in America, Ettore e Gaetano Indomenico,  Paul Pirrotta e Joe Mioli. Presenti pure Peppe Tata e Francesco Torneo per il film sul periodo dell’emigrazione dei nostri connazionali in America.  Molte iniziative che sono in programma per il Natale 2017 una di queste è stata quella di consegnare un albero per ogni quartiere. L’albero migliore addobbato sarà premiato. L’albero che è stato messo in Piazza è stato donato dal Corpo Forestale. Sarà anche premiata la migliore “fucata” che come tradizione saranno accese il 24 dicembre.

“Dopo due mesi dalla mia visita in America ci rincontriamo – dichiara il primo cittadino – qui a Floridia con la delegazione di Hartford. Già parliamo e facciamo progetti per il nostro futuro e per i nostri ragazzi e i nostri giovani. In coincidenza c’è il Natale dove assieme stiamo collaborando ma ancor di più la collaborazione è data da parte del Comune con una collaborazione di lavoro importante con le nostre realtà locali che si interessano di cinematografia, fotografia. Significa rilanciare finalmente nel nostro territorio qualcosa di importante che interessi un settore importante dei nostri ragazzi. C’è un progetto cioè la stesura di un film molto importante che rappresenta la storia vera, vissuta. Ci sono testimonianze di questa storia importante che è successa nel nostro paese. Inizia così un progetto che porterà qualcosa di positivo per la nostra Floridia ma anche per la nostra provincia.  Il Comune di Floridia si mette a disposizione di questo progetto molto importante che è stato portato avanti dai nostri amici di Hartford”.

Gaetano Indomenico che da molti anni vive ad Hartford detto: “ Non ho mai dimenticato mai le mie origini e per me avere questa opportunità di poter far qualcosa per la terra che mi ha visto nascere e cresciuto per 25 anni. Sono fortunato perché hot trovato delle persone che mi stanno aiutando a portare avanti questo progetto. Io sono molto fiducioso in questo progetto e lo porteremo a termine. Non sarà  facile perché fare un film è molto difficile ma avendo lo spirito di lasciare un ricordo per le prossime generazioni”.

“Ringrazio il Sindaco per il suo appoggio in questo progetto – dichiara Paul Pirrotta – sarà appoggiato da tutti i cittadini di Floridia. Questo è il nostro desiderio. L’iniziativa che stiamo facendo è concentrata sulla cultura. Ci sono tanti talenti e noi vogliamo raccogliere vasti consensi da tutta la provincia ma anche per rafforzare i legami che ci legano e questo ci consente di rivederci, incontrarci per portare avanti queste iniziative. Le iniziative che porteremo avanti queste iniziative saranno fatte con dei contributi e il comune di Floridia non uscirà ne anche un centesimo. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere i giovani raggiungendo le scuole”.

Ettore Indomenico presidente dell’Associazione “Pulisena” ha detto: “ Ci saranno tanti problemi da affrontare ma è talmente tanta voglia di portare avanti questi progetti. Si stanno proponendo anche dei connazionali che vivono in Australia per supportare il film. C’è tanto buon senso e molta voglia di fare per gli altri”.

Francesco Torneo nel suo intervento ha sottolineato che l’intento dell’associazione è anche quello di far rivivere alcune tradizioni del passato come ad esempio nel periodo di Carnevale i veglioni che si tenevano in quel periodo carnevalesco e orientato agli anni ’70.

Peppe Tata ha parlato del film  che dopo la scrittura si passa ora alla sceneggiatura. “La trama del film riguarda un fatto di cronaca. Nelle campagne nel nostro territorio fu ucciso un latifondista e furono  accusati  ingiustamente dei contadini. Su questa ingiustizia abbiamo ricostruito il film. Lanciamo delle tematiche come l’immigrazione, cosa significa essere migranti. Questo latifondista viene ucciso e vengono incriminati due innocenti e finiscono in carcere. Uno dei figli in  punto di morte del padre gli promette di tornare in  Sicilia e di risolvere il caso”.


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto