Eventi

Melilli, flash mob in diretta streaming la sera del Venerdì santo

MELILLI – “Accendete un lumino o una candela e posizionatela sui balconi o sui davanzali delle finestre”. È l’esortazione di Gabriele Massimiliano Ragusa, delegato melillese della Società augustana di storia patria, alla cittadinanza per la sera del Venerdì santo. In tempi di pandemia, quello di domani sarà un flash mob inedito, suggestivo, particolare. In tanti sono pronti ad accogliere la sua richiesta, manifestando così la propria fede cristiana e invocando in tal modo da Dio la fine del coronavirus.

Una luce per Melilli” (questo il titolo della manifestazione religiosa) nasce dalla sinergia tra Giuseppe Carrabino, presidente della Società augustana di storia patria, il delegato della cittadina iblea e il fotografo Davide D’Orazio. L’invito rivolto alla cittadinanza è di condividere il momento della Passione di Gesù in un periodo difficile a causa dell’emergenza sanitaria. Durante la diretta streaming, saranno proiettati i fotogrammi dell’artista melillese con il sottofondo musicale di Luigi Zimmitti.

L’idea originaria nasce nella città megarese dove, su iniziativa della Società augustana di storia patria si dà luogo ad un flashmob nel corso del tradizionale rito della “tromba” del Giovedì santo. “Un lumino condiviso da laici e credenti – ha dichiarato il presidente Carrabino – per onorare la tradizione e la memoria familiare e collettiva”.

“Abbiamo voluto condividere questo messaggio con i soci di Augusta – dice Ragusa – estendendolo alla nostra comunità cittadina che, la sera del venerdì Santo, quando si svolge la processione di “Cristu mortu e a Madonna Addulurata”, è da sempre legata ai riti liturgici che si tengono nelle chiese del paese. Per tentare di colmare un vuoto nel sentire comune della collettività – spiega il delegato di Melilli – al termine della celebrazione della Passione nella chiesa Madre, sarà trasmessa una diretta streaming con la proiezione dei fotogrammi di Davide D’Orazio e l’ascolto delle musiche di Luigi Zimmitti. Un momento al quale abbiamo voluto accostare l’idea del lumino sui balconi e sui davanzali per accendere anche tra i cittadini melillesi sentimenti di condivisione e speranza. Ringrazio quanti hanno collaborato e permesso la realizzazione di questa importante iniziativa, a partire dal fotografo Davide D’Orazio, che ha aderito con entusiasmo. Sono grato anche al nostro presidente Giuseppe Carrabino, che ha accolto con entusiasmo la proposta di estendere a Melilli l’iniziativa che ha già trovato grande riscontro ad Augusta”.

L’augurio di Ragusa è che la cittadinanza partecipi all’evento per dimostrare ancora una volta “le solide radici culturali e cristiane ma soprattutto di concreta solidarietà nei confronti di quanti soffrono in questa Settimana santa surreale dove Cristo è presente nei tanti uomini e donne immolati per una pandemia che coinvolge tutta l’umanità”.


getfluence.com
In alto