News

Siracusa, consegnato al reparto di rianimazione dell’ospedale “Umberto I” l’ecografo donato dall’Avis

SIRACUSA – La consegna è avvenuta questa mattina ed il momento è stato suggellato da una foto che, a suo modo, farà storia. L’ecografo portatile acquistato dall’Avis comunale di Siracusa e destinato alla rianimazione dell’ospedale “Umberto I” è stato sistemato all’interno del reparto, a disposizione sia dei pazienti affetti da Coronavirus, sa di quelli affetti da altre patologie e il cui monitoraggio necessità dell’apporto del macchinario. Una donazione importante dunque che colma una delle lacune del nosocomio aretuseo. Volti stanchi ma soddisfatti, celati in parte dalle mascherine, quelli dei sanitari che hanno partecipato al breve ma significativo momento: Maurilio Carpinteri (direttore dell’Unità operativa complessa di anestesia, rianimazione e medicina iperbarica), Dario Genovese, (direttore servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale), Anselmo Madeddu direttore sanitario dell’Asp aretusea. Presente naturalmente anche il presidente dell’Avis comunale di Siracusa Sebastiano Moncada. L’ospedale dunque ha il suo nuovo macchinario, arrivato lo scorso 30 marzo ma portato solo oggi al suo posto perchè la delibera di accettazione dell’Asp è arrivata ieri pomeriggio
L’ecografo portatile maneggevole, ad alta risoluzione, possiede una sonda collegata al tablet, utile per sostenere il grande impegno dei rianimatori nel fare diagnosi immediate di pazienti affetti da Covid-19 e per il monitoraggio del loro stato patologico. Il suo acquisto è stato reso possibile grazie alla generosità di tanti semplici cittadini, soci e non, i quali hanno donato in questo periodo di emergenza. La cifra finora raccolta è di 19.850 euro e, poiché l’Avis ha impiegato poco più della metà (12.000), la restante somma verrà utilizzata per l’acquisto di 10 caschi Cpap per la ventilazione assistita non invasiva. La raccolta fondi continuerà almeno fino a Pasqua, in modo da poter acquistare anche altri presidi medici utili in questa delicata fase storica.


getfluence.com
In alto