Politica

Melilli, il sindaco Giuseppe Carta costretto a disertare la festa di San Sebastiano: “Ho il covid”

MELILLI – Ha pubblicato un video sulla sua pagina facebook per rendere nota la sua positiva al Covid-19. Il sindaco di Melilli Giuseppe Carta ha scoperto ieri di aver contratto l’infezione e si è subito posto in isolamento nella sua abitazione, a tutela dei propri collaboratori e di tutti coloro i quali vengono in contatto con lui ogni giorno. Sta bene e non presenta sintomi particolari.

Oggi pomeriggio avrebbe dovuto partecipare al pontificale in onore di San Sebastiano, nell’omonima basilica (vedi foto di repertorio), presieduto dall’arcivescovo di Siracusa, monsignor Francesco Lomanto (e concelebrato dal parroco, don Giuseppe Blandino). A sostituirlo, fascia tricolore al collo, il suo vice Guido Marino, il quale ha letto la seconda lettura (tratta da San Paolo) della santa messa, per poi offrire il cero al Santo Patrono come indicazione di atto di affidamento e invocazione di protezione. Presente, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, anche  il presidente del consiglio comunale Nuccio Gigliuto, oltre agli agenti della polizia municipale e ad alcuni carabinieri della locale stazione. In chiesa ingresso contingentato: ammesse 150 persone.

“Speriamo che sia l’ultima che la festa patronale viene affrontata con queste restrizioni dovute all’emergenza sanitaria – ha detto Carta nel video – e ci auguriamo di poter tornare a dimostrare al nostro santo Patrono già dal 4 maggio tutta la devozione e l’amore che abbiamo per lui”.

A Melilli intanto il primo cittadino ha emanato una nuova ordinanza di chiusura degli uffici comunali, anche delle frazioni Villasmundo e Città Giardino, nonché delle scuole per permettere “la sanificazione, derattizzazione e disinfestazione di tutti i locali pubblici al fine di rendere sicuri e sani i luoghi frequentati dai nostri concittadini”. Chiusa anche la piscina comunale e tutte le strutture sportive pubbliche del territorio per la durata di sei giorni a partire da oggi. Le strutture, scuole comprese, saranno nuovamente fruibili da martedì 25 gennaio.


In alto