Cronaca

Noto, operazione “Piazza pulita”: estorsioni nella gestione rifiuti, quattro arresti [Video]

NOTO – In data odierna all’esito di indagini coordinate dalla Procura distrettuale della Repubblica di Catania, Direzione distrettuale antimafia, nel settore della gestione dei rifiuti nell’area di Noto, agenti della Squadra mobile della Polizia di Stato e finanzieri della Tenenza di Noto e del Nucleo di Polizia Tributaria di Siracusa, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Catania nei confronti di quattro persone accusate dei reati di tentata estorsione aggravata e danneggiamento, entrambi aggravati dal “metodo e dalle modalità mafiose”, commessi nei confronti della società Roma Costruzioni S.r.l., società che gestisce il servizio di raccolta rifiuti a Noto.

In particolare, i soggetti indagati risultati destinatari della misura della custodia cautelare in carcere sono: Angelo Monaco (classe 1955), storico appartenente al clan “Trigila” e soggetto già condannato per associazione di tipo mafioso, presunto promotore del tentativo di estorsione, nonché esecutore materiale dell’attività ritorsiva di violenza e minaccia consistente nell’incendio dell’autocompattatore finalizzata a costringere il titolare della Roma Costruzioni s.r.l. ad assumere due operai; Pietro Crescimone (classe 1962), con precedenti specifici per reati contro il patrimonio, presunto esecutore materiale unitamente ad altro soggetto del danneggiamento e del tentativo di estorsione; Giuseppe Casto (classe 1982), già condannato per omicidio volontario e presunto autore dei reati contestati durante la fruizione di un permesso premio.

Mentre l’indagato destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari è Vincenzo Guglielmino (classe 1954), che avrebbe agito in nome e per conto di Angelo Monaco, avanzando la proposta estorsiva al rappresentante legale della Roma Costruzioni S.r.l..

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, contestualmente all’insediamento della società aggiudicataria del servizio di raccolta rifiuti su Noto, avvenuto il 1° marzo scorso, l’imprenditore catanese Vincenzo Guglielmino, rappresentante legale della G.V. Servizi Ambientali S.r.l. ed anche “direttore tecnico” della E.F. Servizi Ecologici S.r.l., società che gestiscono il servizio di raccolta rifiuti in diversi comuni siciliani, si sarebbe presentato al titolare dell’impresa Roma Costruzioni S.r.l. quale emissario di Angelo Monaco, storico appartenente al gruppo criminale “Trigila”, richiedendo l’assunzione di due operai che sarebbero stati indicati dal citato Monaco “in sostituzione” della diretta corresponsione di somme di denaro.

Incassato il diniego al tentativo estorsivo, è stato subito progettato ed eseguito nella serata della domenica di Pasqua (16 aprile scorso) un atto incendiario ad un autocompattatore custodito all’interno dell’autoparco.

Le indagini condotte con l’utilizzo di attività tecnica e di intercettazioni telefoniche, telematiche ed ambientali hanno permesso in brevissimo tempo di ricostruire un grave quadro indiziario a carico degli arrestati, corroborate da una attività preliminare di studio del fenomeno delle infiltrazioni mafiose nel settore della raccolta dei rifiuti e dalle informazioni acquisite grazie ad un costante monitoraggio del territorio da parte della Guardia di Finanza e dalla Polizia di Stato.

L’attività investigativa, sviluppata in sinergia, ha permesso di ricostruire con precisione il disegno criminoso degli indagati, che avrebbero pianificato nei minimi dettagli la consumazione dell’atto intimidatorio incendiario, qualora l’impresa non avesse ceduto alla richiesta estorsiva. Infatti, le indagini condotte dai finanzieri della Tenenza di Noto e del Nucleo di polizia tributaria di Siracusa, acquisita la notitia criminis del tentativo di estorsione nel settore della raccolta dei rifiuti, convergevano con l’attività svolta dalla Squadra mobile di Siracusa, che indagava da tempo nei confronti degli stessi soggetti coinvolti nella vicenda estorsiva in argomento.

L’indagine in rassegna, convenzionalmente denominata “Piazza pulita”, ha consentito di colpire le infiltrazioni mafiose del clan che opera nella zona sud della Provincia di Siracusa in un settore economico particolarmente delicato dove la penetrazione criminale costituisce un danno consistente per le imprese operanti nel settore.

Ecco il video, contenente la sequenza dell’atto incendiario all’autocompattatore.


getfluence.com
In alto