Cronaca

Rosolini, violenza sessuale e tentato omicidio nei confronti di una rosolinese: arrestato 25enne

ROSOLINI – Nel corso della serata di ieri, martedì 7 febbraio, a Rosolini, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto in flagranza dei reati di evasione, violenza sessuale, tentato omicidio e rapina Nolasco Pietro, classe 1991, già noto alle forze dell’ordine per i suoi numerosi precedenti di polizia, in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari a seguito della convalida dell’arresto operato nei suoi confronti dai Carabinieri lo scorso 5 dicembre quando il giovane, al fine di farsi dare una birra e del denaro contante, aveva aggredito il titolare di un bar annesso ad un distributore di benzina lungo la Strada Statale 115.

Ieri, intorno alle ore 18, i militari della Stazione di Rosolini, impiegati nell’ambito dell’operazione denominata “Sicurezza”, a seguito di richiesta di intervento pervenuta al numero di emergenza 112, sono stati allertati da una donna, la quale, con voce rotta dal pianto ed in evidente stato di agitazione, asseriva di essere stata aggredita da un uomo. Immediatamente l’operatore del 112 forniva assistenza alla donna, facendo giungere sul posto un’ambulanza che la accompagnava in ospedale, mentre i Carabinieri identificavano il presunto aggressore in Nolasco Pietro. Infatti, a seguito delle ricerche avviate, hanno rintracciato il giovane poco dopo mentre faceva rientro a casa, quindi condotto in caserma per ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Una storia purtroppo drammatica, che rischiava di avere un triste epilogo, risolta grazie alla prontezza della vittima nel divincolarsi al momento opportuno e grazie al repentino intervento dei Carabinieri.

Secondo la ricostruzione dei militari, nel corso del pomeriggio, Nolasco aveva convinto la sua vittima, una donna di Rosolini, a recarsi con lui in una zona di campagna ove avrebbe dovuto mostrarle un qualcosa di non meglio specificato. Giunti sul posto, avuta contezza che la zona fosse al riparo da occhi indiscreti, Nolasco avrebbe iniziato a minacciare di morte la donna, costringendola, con violenza e minaccia, a consumare un rapporto sessuale. Impaurita, temendo ulteriori e peggiori conseguenze, in un primo momento la donna avrebbe assecondato le volontà del suo aggressore ed è rimasta in balia dello stesso il quale avrebbe iniziato altresì a colpirla al volto ed al corpo con pugni e calci, strappandole dal collo due collanine in oro, tentando di strangolarla.

Resasi conto di quanto stava accadendo, mentre Nolasco, dopo averla obbligata a risalire in macchina, faceva manovra per spostarsi in un altro luogo dove avrebbe asseritamente voluto ucciderla, la donna, approfittando della situazione, si gettava fuori dalla macchina e si dava alla fuga, richiedendo immediatamente l’intervento dei Carabinieri che hanno poi prontamente rintracciato e bloccato l’uomo.

La vittima, dopo le prime dure mediche del caso, è stata ricoverata in prognosi riservata per ulteriori accertamenti: per lei, oltre agli evidenti segni sul corpo, un forte stato di shock. Per diverse ore dopo i fatti, i Carabinieri hanno gestito i familiari della vittima che, venuti a conoscenza di quanto accaduto, erano seriamente intenzionati a “farsi giustizia da sé”.

Nolasco Pietro è stato dichiarato in stato di arresto e, espletate le formalità di rito, associato presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


In alto