News

Siracusa, al via il primo programma per formare avvocati sulla difesa nei casi relativi a crimini internazionali

SIRACUSA – Si è aperto ufficialmente oggi presso The Siracusa international institute for criminal justice and human rights, già Istituto superiore internazionale di scienze criminali, l’International defence counsel training programme, il primo programma di formazione specialistica pluriennale rivolto specificatamente ad avvocati internazionalisti che si occupano di casi relativi a crimini internazionali innanzi alle giurisdizioni nazionali e internazionali.

Il corso inaugurale del programma, che è iniziato oggi e si concluderà venerdì 19 maggio, riguarda gli “Elementi fondanti dei diritti della difesa nei procedimenti penali internazionali“. A coordinare le sessioni di lavoro saranno il presidente del Siracusa Institute, il procuratore generale Jean-François Thony e il direttore del programma, il dott. Andrea Chmielinski Bigazzi, con la partecipazione di altri undici professori ed esperti, fra cui Jean-Paul Costa, già presidente della Corte europea dei Diritti umani, Christine Van Den Wingaert, giudice presso la Corte penale internazionale, e Andrea Saccucci, professore associato di Diritto internazionale presso la Seconda Università di Napoli.

L’intero programma ha ricevuto il sostegno di prestigiose organizzazioni internazionali, fra cui l’Unione internazionale degli avvocati, la Scuola superiore dell’avvocatura, l’Associazione internazionale di diritto penale, il Consorzio internazionale di giustizia penale e il Centro studi sulla sicurezza internazionale e la cooperazione europea e vanta inoltre il patronato di un’accademia di giuristi ed esperti di fama mondiale che svolgono la funzione di docenti nei vari corsi.

Il programma, che ha inizio oggi e si svilupperà nei prossimi anni, prevede un fitto calendario di eventi, a partire dal prossimo corso di specializzazione su “Casi relativi ai crimini internazionali concernenti riciclaggio di denaro, finanziamento alle organizzazioni terroristiche e reati ecologici”, in programma dal 17 al 19 luglio.


In alto