Cronaca

Siracusa, auto incendiata per “ragioni sentimentali”: indagati tre giovani siracusani

SIRACUSA – Nei giorni scorsi, a conclusione di una complessa e articolata attività investigativa, agenti della Polizia di Stato ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso dalla Procura aretusea nei confronti di tre giovani siracusani. A loro carico viene ipotizzato di aver incendiato e distrutto, in concorso tra di loro, un’autovettura parcheggiata, dandola alle fiamme dopo averla cosparsa di liquido infiammabile.

L’episodio contestato risale alla notte del 9 gennaio scorso, quando è stato segnalato al commissariato di polizia un incendio di vaste dimensioni nel parcheggio condominiale di un complesso residenziale della zona alta della città. Gli operatori dell’Upgsp (Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico), intervenuti sul luogo, hanno constatato la presenza di un’autovettura parcheggiata completamente incendiata. Domate le fiamme da parte dei vigili del fuoco e messa in sicurezza l’area, gli agenti di polizia si sono immediatamente adoperati al fine di reperire notizie utili per rintracciare gli autori che, secondo una prima ricostruzione dei fatti, dopo aver appiccato il fuoco, si sarebbero dati a precipitosa fuga a bordo di uno scooter.

Sono state, pertanto, immediatamente avviate, da parte della squadra mobile, le attività investigative, partendo da quanto riferito dal proprietario dell’auto e ricercando poi sistemi di videosorveglianza presenti nel parcheggio e in prossimità dell’area interessata dall’incendio.

“Proprio grazie alla minuziosa attività di accertamento tecnico dei filmati estrapolati dalle telecamere presenti che, in effetti, avevano ripreso esattamente tutta la fase prodromica al reato, è stato possibili attribuire un nome ai tre volti degli autori del brutale gesto – si legge nel comunicato diramato dalla Questura – Le immagini estrapolate ed esaminate, avevano immortalato l’incontro di tre giovani ragazzi che si erano dati appuntamento nei pressi del luogo teatro dell’evento al fine di predisporre tutto l’occorrente per commettere il reato. Di seguito, una volta fatto rifornimento di liquido infiammabile e fiammiferi, due dei tre ragazzi si sono recati materialmente ad appiccare il fuoco all’autovettura”.

Identificati i tre attuali indagati, di cui due fratelli, uno di ventuno e l’altro di ventiquattro anni, sono stati approfonditi i rapporti fra gli stessi e le ragioni del gesto. Secondo quanto emerso dalle indagini, uno dei presunti autori dell’incendio avrebbe avuto, in passato, dei “dissidi con la persona offesa, dissidi dovuti a ragioni “sentimentali” poiché entrambi corteggiavano la stessa donna”.

(In copertina: fermo immagine del video sull’episodio, trasmesso dalla Questura di Siracusa)


In alto