pubblicità elettorale
Politica

Siracusa, autorità portuali di sistema, dichiarazione del deputato Pippo Zappulla

SIRACUSA – La paventata ipotesi della richiesta del Presidente della Regione Crocetta di rinviare la costituzione degli organismi delle autorità portuali è oggetto di un intervento del deputato nazionale del partito democratico Pippo Zappulla.

Il parlamentare siracusano dichiara: “La richiesta, pare avanzata dal presidente della Regione, Crocetta al ministro Del Rio, di rinvio di 36 mesi della costituzione degli organismi per le nuove Autorità Portuali di Sistema siciliane – se accolta – sferra un colpo pesantissimo al sistema portuale marittimo e rischia di impoverire i nostri scali in modo davvero drammatico”.

“La legge nazionale di riordino del sistema concede infatti alle regioni la facoltà di chiedere, per particolari e straordinarie ragioni tecniche, la proroga delle ex autorità portuali fino a tre anni. In tal modo i porti siciliani rischiano un grave impoverimento ed isolamento  dai nuovi processi portuali previsti dalla riforma. L’eventuale malaugurata proroga produrrebbe, peraltro, un altro effetto negativo per i nostri porti a cominciare da quello di Augusta, ovvero di vedere sospesi per l’intero arco temporale della proroga i finanziamenti europei. La Commissione Europea infatti ha già comunicato al Governo e al Ministero per le Infrastrutture e Trasporti che sospenderà i finanziamenti per tutti i porti che otterranno la deroga.Una proroga ritarderebbe, quindi,  gli accorpamenti, la nomina dei nuovi presidenti e l’integrazione virtuosa dei vari scali, nel nostro caso di Augusta e Catania. In tal modo si bloccherebbero inevitabilmente  importanti investimenti mortificando le aspettative produttive ed occupazionali degli operatori e delle comunità”.

“Se confermata – aggiunge Zappulla -, considero quella di Crocetta una scelta davvero incomprensibile che produrrebbe solo l’isolamento dei porti siciliani dal resto del Paese riducendo notevolmente la capacità competitiva del nostro sistema. La richiesta di deroga, per ciò che è dato a conoscere, non è sostenuta da reali ragioni tecniche e sembra rispondere a logiche misteriose più di ordine politico che economiche e di sviluppo.Chiedo, pertanto, al presidente Crocetta di rivedere la richiesta e, nel caso insistesse, faccio appello al ministro del Rio di rigettarla almeno per quanto riguarda l’Autorità Portuale di Sistema di Augusta e Catania procedendo, così come previsto, a partire dal 15 settembre, alla istituzione dell’Autorità Portuale con la composizione degli organismi e la elezione del Presidente”.


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto