Cronaca

Siracusa, contrasto al lavoro nero, cinque attività in provincia sospese dai carabinieri del Nil

SIRACUSA – Nei giorni scorsi, i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro (Nil), con il supporto dei colleghi del comando provinciale di Siracusa e d’intesa con il dirigente dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Siracusa, hanno eseguito 16 accessi ispettivi in altrettante aziende in provincia operanti nei settori edile, commercio, ristorazione e case riposo, al fine di arginare il dilagante fenomeno del lavoro nero, del caporalato e delle violazioni sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

A seguito dei controlli operati tra i comuni di Lentini, Siracusa, Avola, Floridia, Noto, Melilli, Priolo Gargallo e Rosolini, sono state esaminate 38 posizioni lavorative, di cui 21 sono risultate irregolari sotto il profilo contributivo e retributivo.

Sono stati inoltri individuati 10 lavoratori in nero, nel corso dei controlli, in cantieri edili, case di riposo, bar/pasticcerie e supermercati. Nei confronti dei titolari delle cinque aziende con lavoratori in nero, è scattato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale per avere utilizzato “in nero” più del 20 per cento della forza lavoro.

Nei confronti di 5 datori di lavoro, inoltre, è scattata la denuncia in stato di libertà per diverse violazioni in materia di sicurezza sul lavoro, che riguardano l’omessa sottoposizione dei dipendenti a visita medica per l’idoneità al lavoro, fornitura di mezzi e strumenti di lavoro inadeguati all’attività lavorativa, omessa verifica delle disposizioni contenute nel piano di sicurezza e mancata adozione di opere di protezione contro il rischio di caduta dall’alto.

In tutti i casi sono state impartite opportune prescrizioni ai datori di lavoro, al fine di ripristinare le condizioni di sicurezza imposte dalla legge. A volte si è resa necessaria la temporanea inibizione ad operare nell’area di cantiere.

Ed ancora, nei confronti di 5 titolari di imprese, è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa per violazione dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori, per avere utilizzato sistemi di videosorveglianza senza preventivo accordo sindacale o autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro. Inoltre è stata disposta l’immediata cessazione del funzionamento degli impianti, in quanto consentivano il controllo a distanza dell’operato dei dipendenti.

Le sanzioni amministrative irrogate ammontano complessivamente a 40 mila euro e le ammende contestate ammontato a oltre 41 mila euro.

(Foto generica)


getfluence.com
In alto