News

Siracusa in tilt per un’inattesa bomba d’acqua, l’allerta meteo diramata era “verde”

SIRACUSA – Il fenomeno temporalesco notturno ha causato gravi disagi alla circolazione stradale a Siracusa, con l’acqua che ha superato il mezzo metro in diverse strade cittadine. La Protezione civile regionale aveva comunicato, nell’avviso regionale di ieri per questo giovedì 28 settembre nella provincia aretusea, criticità “verde”, ovvero di “generica vigilanza” quanto al rischio idro-geologico, pur prevedendo precipitazioni “da isolate a sparse”.

Evidentemente inattesa la quantità delle precipitazioni piovose che si sono riversate in particolare sul capoluogo. In viale Paolo Orsi e viale Teracati sono saltati diversi tombini e alcune autovetture vi sono rimaste incastrate con le ruote. Situazione critica anche in via delle Mandrie, dove il livello dell’acqua è arrivato ad oltre 70 centimetri. Un anziano signore, allettato, è stato tratto in salvo da vigili del fuoco e carabinieri in via Fratelli Sollecito. Le piogge hanno creato danni anche alle infrastrutture, come ad Ortigia, in via Castello Maniace, dove si è registrato il crollo parziale di una vecchia casa disabitata.

Soliti gravi disagi dovuti agli allagamenti al Villaggio Miano e in diverse aree della Borgata. In altre zone si sono verificati problemi con la distribuzione dell’energia elettrica, in particolare in zona Tivoli, quartiere Tiche e zona Ognina Fanusa, dove squadre dell’Enel sono al lavoro da ore per ripristinare il tutto.

Numerose le richieste di soccorso degli automobilisti, a partire dalle vie summenzionate, a cui hanno dovuto far fronte le forze di polizia, i militari dell’Arma, vigili del fuoco e protezione civile.

Il Comune aveva programmato le pulizie delle caditoie nelle principali arterie stradali della città, avviate lo scorso 22 settembre e che, da cronoprogramma, si sarebbero dovute concludere proprio domani.

A fine mattinata, la situazione sta tornando lentamente alla normalità, agevolata dalla tregua concessa dal maltempo.

(foto tratta dal gruppo facebook “Siracusa on web 2.0”)


In alto