Eventi

Siracusa, l’Anppia ricorderà l’augustano Giuseppe Motta presentando “Il ragazzo che fece sventolare la bandiera rossa”

SIRACUSA – Giovedì 1 giugno alle ore 18 nella sala “Corrado Ventaglio” a Siracusa, l’Annpia (Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti), in occasione della vigilia della ricorrenza del 71° anniversario della Repubblica, presenterà il libro “Il ragazzo che fece sventolare la bandiera rossa” scritto a quattro mani da Giorgio Càsole e dalla figlia Cecilia Càsole.

Il libro racconta la vicenda umana e politica di Giuseppe Motta, antifascista, nato e morto ad Augusta, di cui fu sindaco nel 1945. Motta fu uno dei pochi siracusani a essere condannato a una dura pena detentiva dal Tribunale speciale per la difesa del Fascismo, perché considerato “pericoloso comunista”. Del Pc d’Italia fu il primo segretario provinciale della provincia di Siracusa, che allora comprendeva il territorio dell’attuale provincia di Ragusa. Motta, che propugnò gli ideali federalistici di Altiero Spinelli, oggi pare essere completamente ignorato dalla sua città natale. In questo senso il libro dovrebbe servire a rendergli in parte giustizia.

Aprirà l’incontro Orazio Carpino, consigliere nazionale Anppia, nonché autore della prefazione. Nel corso della presentazione interverranno: la prof.ssa Maria Concetta La Leggia, il sen. Giuseppe Lo Curzio, il prof. Alessio Lo Giudice, il prof. Salvatore Santuccio, il dott. Carmelo Saraceno e l’avv. Ulisse Signorelli.


In alto