Archivio

Siracusa, Lo Giudice:”Continuo a leggere ed ascoltare dichiarazioni incaute e sopra le righe in merito alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto alcuni rappresentanti delle istituzioni della Città di Siracusa”

alessio lo giudice segretario provinciale pd siracusa

alessio lo giudice segretario provinciale pd siracusaRiceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato del Segretario Provinciale del PD di Siracusa, Alessio Lo Giudice.

“In queste ore e in questi giorni continuo a leggere ed ascoltare dichiarazioni incaute e sopra le righe in merito alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto alcuni rappresentanti delle istituzioni della Città di Siracusa. Dichiarazioni provenienti anche da esponenti del Partito Democratico e spesso irriguardose nei confronti dei compagni di Partito. Sottolineo che il PD non ha mai sottovalutato ciò che sta accadendo, ritenendo che le ipotesi di reato emerse in questi giorni siano di assoluta gravità. In più, ritengo che non ci sia stata alcuna sottovalutazione della situazione neanche da parte dell’Amministrazione Comunale, che si è dichiarata pronta a collaborare con l’autorità giudiziaria nei termini che gli organi competenti riterranno più opportuni.

Il rispetto che un partito come il nostro deve osservare nei confronti dell’azione della magistratura implica, soprattutto, non arrogarsi il diritto di emettere alcun tipo di “sentenza”. A noi tocca piuttosto agire politicamente determinando discontinuità di natura esclusivamente politica per garantire che nessuna condotta illecita possa riguardare rappresentanti delle istituzioni che noi contribuiamo a governare.

Di conseguenza, invito tutti i rappresentanti del Partito Democratico a ricondurre la discussione sul piano che a noi spetta, che è quello politico. Invito altresì tutti ad abbandonare richieste di dimissioni da una parte e di interventi di organismi di garanzia del Partito dall’altra. Queste azioni rischiano di essere velleitarie poiché esprimono la mancanza di un’autentica volontà di dialogo costruttivo nell’interesse di tutti, e dei cittadini in primo luogo.

Al Partito Democratico, che da soli tre mesi ha avviato un nuovo percorso sotto la mia guida, compete il ripristino di quei luoghi della discussione e della condivisione interna che per troppo tempo sono rimasti sospesi. Luoghi che abbiamo già riattivato sfruttando al massimo questi primi mesi di mandato. D’altra parte, dalla lettura delle vicende di questi ultimi giorni si comprendono chiaramente i danni politici prodotti dall’assenza di dialogo tra il Partito Democratico e l’Amministrazione Comunale di Siracusa negli anni scorsi.

Alla luce di queste considerazioni, lunedì sera ho convocato, d’accordo con il segretario cittadino, tutti i deputati del PD, il Sindaco, gli Assessori e i Consiglieri Comunali del nostro Partito, per una verifica che conduca ad atti concreti di discontinuità e rilancio politico. Chi, per qualsiasi ragione di carattere politico, dovesse decidere di non partecipare, si assumerà la responsabilità della chiusura al confronto, inaccettabile per chi ha davvero a cuore gli interessi dei cittadini siracusani.”


In alto