Politica

Siracusa, mini rivoluzione giunta Italia: Gradenigo, Imbrò e Schembari al posto delle dimissionarie Furnari e Genovesi

SIRACUSA – Carlo Gradenigo, Sergio Imbrò e Alessandro Schembari sono i tre nuovi assessori della giunta municipale guidata da Francesco Italia. Il giuramento si è tenuto stamani, nel salone “Paolo Borsellino” di palazzo Vermexio, nelle mani del sindaco e del vice segretario comunale, Loredana Caligiore. Presenti tutti gli altri assessori, che con questo nuovo assetto passano da 8 a 9, il numero massimo a seguito dell’ampliamento concesso dalla legge regionale, e il capo di gabinetto, Michelangelo Giansiracusa.

Dimissionari nei giorni scorsi due assessori, in carica dall’insediamento della prima giunta Italia, cioè da due anni, Alessandra Furnari (che era titolare delle Risorse umane, dell’Organizzazione e politiche del lavoro, delle Pari opportunità sociali e dei Servizi cimiteriali) e Giusy Genovesi (Protezione civile, Politiche di mitigazione ed adattamento cambiamenti climatici, Servizi informatici ed innovazione tecnologica).

Gradenigo (movimento Lealtà e condivisione), 41 anni, laureato in Agraria, imprenditore, è stato consigliere comunale fino allo scioglimento dello scorso novembre, carica alla quale era stato eletto con la lista civica Lealtà e condivisione; Imbrò (lista Fuorisistema), 52 anni, è docente di sostegno nella scuola primaria ed è stato impegnato nelle Acli, nella Cgil e nella Protezione civile; Schembari (partito Italia viva) è il vice presidente di Confcooperative Siracusa, ha lavorato nel settore dei servizi alle imprese e dei sistemi di gestione di qualità.

“Con questi tre nuovi assessori – ha detto il sindaco Italia – che arricchiscono le nostre competenze, la Giunta si caratterizza per un profilo ancora più marcatamente politico perché allarghiamo la presenza delle forze che ci sostengono. In questo senso, soddisfiamo una richiesta che da molto tempo ci veniva fatta. Un grazie sincero va agli ex assessori Furnari e Genovesi per il prezioso contributo apportato e per lo spirito con il quale si sono dedicate all’Amministrazione sacrificando spesso affetti e professione”.

Il sindaco ha poi indicato alcune priorità che impegneranno la nuova giunta, a cominciare dalla riorganizzazione della macchina amministrativa che oggi è dimezzata rispetto al fabbisogno in termini di personale, anche a seguito delle uscite dovute alla “quota 100”. Italia ha annunciato a breve l’avvio di concorsi per nuove assunzioni.

“Tra le altre priorità – ha aggiunto il primo cittadino – ci sono la viabilità e i trasporti; l’emergenza abitativa da affrontare con strumenti moderni come il partenariato con i privati; l’ambiente con l’ulteriore  potenziamento della raccolta differenziata e del servizio idrico integrato; la scommessa sempre aperta del turismo in senso culturale”.

Alla nuova composizione della giunta è corrisposta una rimodulazione delle deleghe. Eccola di seguito.

Andrea Buccheri: Polizia municipale, Igiene urbana, Sport e tempo libero.

Cosimo Burti: Sviluppo economico e competitività (agricoltura, pesca, mercati e fiere); Sanità (Tutela animali e fauna urbana, Servizi sanitari).

Pietro Coppa (confermato vicesindaco): Economico finanziario; Entrate e servizi fiscali; Istruzione e diritto allo studio; Programmazione opere pubbliche, coordinamento e monitoraggio delle politiche di sviluppo sostenibile, tutela del territorio e dell’ambiente; Partenariato pubblico privato; Sistema energia, efficientamento energetico e pubblica illuminazione.

Maura Fontana: Servizi sociali; Trasporti e diritto alla mobilità.

Carlo Gradenigo: Tutela, valorizzazione e recupero ambientale (verde pubblico urbano e decoro urbano); Tutela del suolo; Qualità dell’aria e riduzione dell’inquinamento; Servizio idrico integrato; Aree protette, parchi naturali, protezione naturalistica e forestazione urbana; Politiche giovanili.

Rita Gentile: Agenda urbana; Beni demaniali e patrimoniali; Beni comuni; Politiche di inclusione e diritto alla casa; Edilizia residenziale sociale;Democrazia partecipata

Fabio Granata: Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali (Unesco e Università); Risorse umane; Legalità e trasparenza.

Sergio Imbrò: Edilizia privata; Urbanistica e assetto del territorio; Protezione civile.

Alessandro Schembari: Sviluppo e valorizzazione del turismo; Servizi demografici e municipalità; Cimitero e servizi cimiteriali; Sviluppo delle tecnologie e dei sistemi informativi e statistica.

Il sindaco Italia mantiene ad interim le seguenti rubriche: Contenzioso, Società ed enti partecipati, oltre a tutte le competenze residuali non espressamente indicate. Le materie non comprese nei rami dell’Amministrazione cui sono destinati gli assessori restano di competenza del sindaco.


getfluence.com
In alto