Cronaca

Siracusa, notte alcolica per ventinovenne: ferisce due avventori di un bar, arrestato e trattenuto in camera di sicurezza

SIRACUSA – Nella giornata di ieri i carabinieri del nucleo radiomobile di Siracusa insieme ai colleghi della stazione di Siracusa Principale e Belvedere hanno arrestato, per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento aggravato, il ventinovenne ragusano Mario D’Ambrogi.

Mentre si trovava all’interno di un bar cittadino, dopo aver assunto alcolici, verosimilmente in stato di alterazione psico-fisica, il giovane avrebbe “senza alcun plausibile motivo” aggredito avventori con calci e pugni, cagionando traumi e lesioni a due malcapitati. Il D’Ambrogi, ancora in stato di agitazione, è stato raggiunto poco dopo dai carabinieri intervenuti a seguito richiesta delle vittime al “112”.

Pur tentando di divincolarsi in modo energico cercando di ottenere la fuga, il giovane è stato bloccato, identificato e accompagnato ai locali del comando compagnia carabinieri di Siracusa, dove è stato detenuto nella camera di sicurezza.

Gli effetti dell’alcol e lo stato di forte agitazione non avrebbero allo stesso D’Ambrogi di tranquillizzarsi. Infatti, dopo aver “proferito frasi offensive contro i militari che cercavano invano di calmarlo”, avrebbe “sferrato una violenta manata a palmo aperto contro il vetro dello spioncino della porta d’ingresso, danneggiandolo e cagionandosi una abrasione alla mano sinistra”, medicata dai sanitari del 118, fatti arrivare tempestivamente dai carabinieri.

Solo dopo alcune ore i militari sono riusciti a riportare alla calma il ventinovenne e, terminate le formalità di rito, lo stesso è stato trattenuto e debitamente vigilato ancora nella camera di sicurezza, per essere infine tradotto, stamani, presso il Tribunale di Siracusa per l’udienza di convalida, così come disposto dall’autorità giudiziaria aretusea.

(Foto generica)


getfluence.com
In alto