Politica

Siracusa, post referendum, Milazzo commenta la vittoria del No

SIRACUSA – Anche a Siracusa il No alla riforma costituzionale ha prevalso di gran lunga sul Sì, come in tutti i comuni della provincia aretusea. Tra i primi commenti giunti alla redazione sul risultato di questa consultazione del corpo elettorale c’è la nota dell’avv. Massimo Milazzo, consigliere comunale dimissionario.

Da componente del Comitato giuristi siciliani per il No dichiara: “Ho scelto di votare No alla riforma costituzionale mesi e mesi fa quando i sondaggi davano vincente il Si. Ci ho messo la faccia e mi sono speso nella battaglia in difesa della Costituzione mentre tanti politici a Siracusa hanno preferito tatticamente restare alla finestra. Penso che la politica vera si faccia con cuore, con passione e con scelte di campo precise. La stessa passione, lo stesso cuore, la stessa netta scelta di campo che hanno espresso milioni  di Italiani nel difendere la nostra Costituzione”.

Prosegue: “Il voto di ieri fornisce alcune indicazioni: innanzi tutto gli italiani hanno invertito il fenomeno della disaffezione verso le urne e sono tornati in massa a votare quando si è trattato di esprimersi sulla Carta Fondamentale. In secondo luogo i cittadini hanno detto che le regole costituzionali della nostra democrazia e del nostro vivere civile insieme si cambiano insieme ossia senza scelte unidirezionali adottate in solitudine da una sola parte. In terzo luogo gli elettori italiani hanno inevitabilmente espresso anche un giudizio politico su una iniziativa che non coglieva i veri problemi che il Paese maggiormente sente in questo momento: sicurezza sociale, ordine pubblico, stagnazione economica, disoccupazione, inefficienza amministrativa.La scelta del corpo elettorale è stata netta: spetta adesso ad una classe politica responsabile il compito di saperla comprendere e di sapersi muovere secondo le indicazioni espresse”.


In alto