Politica

Siracusa, raccolta organico, in arrivo taglio a 2 o 1 volta settimanale. L’assessore: “Problema riguarda tutta la provincia”

SIRACUSA – Un nuovo calendario dedicato solo all’organico, riducendo le giornate di raccolta settimanale da tre a due. È l’idea alla quale sta lavorando l’assessore all’ambiente di Siracusa Andrea Buccheri per limitare i disagi all’intera cittadinanza. Ieri sera il Comune aveva annunciato la sospensione della raccolta della frazione organica in alcune zone della città a partire dalla giornata di oggi, dato che la capacità di conferimento in discarica è diminuita. Idem la scorsa settimana.

“È un problema che riguarda tutta la provincia – riferisce Buccheri – ma che avverte in maniera più pesante la città capoluogo dato che conta un terzo dell’intera popolazione. Siamo in difficoltà e da Palermo, nel corso dell’incontro in videoconferenza di qualche giorno fa con l’assessore Pierobon e i dirigenti del dipartimento Acque e Rifiuti non sono arrivate indicazioni utili in merito. Il problema è dato dal fatto che le piattaforme di organico in cui conferiamo hanno raggiunto quasi tutte la capienza massima autorizzata entro fine anno e quelle di differenziato di Lentini sono sovraccariche perché, con la chiusura di Alcamo, tutti i Comuni del palermitano scaricano lì e tutto ciò provoca evidenti rallentamenti. Chiederemo pertanto agli utenti di venirci incontro, conferendo l’organico due o addirittura una sola volta a settimana. Tenerlo in casa per qualche giorno in più non dovrebbe essere un problema per chi ormai è abituato a fare la differenziata e ha raggiunto alti livelli di virtuosismo”.

È una situazione che ha fatto arrabbiare molto l’assessore all’Igiene urbana e l’intera amministrazione comunale. “È un problema frutto di ritardi ventennali da parte della Regione – afferma – e adesso paghiamo lo scotto di qualcosa che era prevedibile e di cui noi siamo vittime. Quel che possiamo fare è stilare un nuovo calendario, più dettagliato possibile in base al conteggio delle utenze per cercare di centellinare gli spazi di organico che abbiamo ancora a disposizione. Non ci saranno zone di serie A e di serie B, tutte subiranno un taglio delle possibilità di conferimento. Ieri mattina abbiamo analizzato i dati dei primi 15 giorni di novembre in base agli scarichi già effettuati nelle tre piattaforme che utilizziamo per l’organico e abbiamo ribaltato il dato sui prossimi 15 giorni”. Da qui la decisione comunicata ieri di sospendere la raccolta nelle contrade marine, in quella della case sparse, in contrada Spinagallo, Akradina e nel quartiere Santa Lucia. “Stiamo valutando – sottolinea Buccheri – la possibilità di rivolgerci ad altre piattaforme magari in aree più distanti da quelle in cui normalmente conferiamo”.

Il Comune di Siracusa guarda intanto con speranza alla nuova piattaforma di Melilli, che risolverebbe l’emergenza. “È quasi pronta – chiosa l’assessore – mancano le ultime autorizzazioni. Speriamo che la situazione si sblocchi al più presto perché porrebbe fine al disagio di tutta la provincia”.

Per le villette intanto un rimedio momentaneo potrebbe essere rappresentato dal compostaggio. È possibile far richiesta di compostiera agli uffici comunali, pronti a mettere i macchinari gratuitamente a disposizione delle utenze, che potrebbero così ottenere anche uno sconto del 15 per cento in bolletta sulla parte variabile della Tari.

(Foto generica)


getfluence.com
In alto