News

Siracusa, scoperta la nuova stele dedicata alla lacrimazione della Madonna

SIRACUSA – “La lacrimazione della Madonna è parte della nostra identità, un pezzo della nostra memoria collettiva che merita di essere mantenuto vivo in questo posto che per anni ha ospitato il quadro del miracolo mariano”. Lo ha detto detto stamattina, in piazza Euripide, il sindaco Francesco Italia alla cerimonia della scopertura della nuova stele commemorativa dell’evento prodigioso avvenuto esattamente 69 anni fa, il 29 agosto del 1953, in una casa della vicina via degli Orti di san Giorgio. Assieme a lui, davanti a una piccola folla di fedeli, hanno rimosso il drappo verde che copriva la lapide l’arcivescovo Francesco Lomanto e il rettore del Santuario della Madonna della Lacrime, padre Aurelio Russo. Da oggi, inoltre, in piazza Euripide si può anche leggere una frase di Papa Francesco dedicata a Siracusa.

Nella nuova stele, rivolta verso il Santuario, oltre ad essere riprodotto il contenuto di quella originaria (che rimarrà custodita nella basilica mariana) viene anche rinnovato il ringraziamento alla Madonna e l’affidamento di Siracusa alla sua “protezione materna”. La frase del Pontefice, invece, è stata pronunciata in piazza San Pietro il 23 ottobre del 2019 in occasione del primo incontro avuto con una delegazione dell’Amministrazione comunale in carica e dice: “Siracusa, la città della Madonna che piange e di Santa Lucia che protegge gli occhi. Anche i miei”.

“Questa stele è qui – ha affermato il sindaco Italia – per ricordare e raccontare a chi verrà dopo di noi. La città è in trasformazione e i segni concreti si perpetuano in contesti sempre più belli e più adeguati. Rinnoviamo tutti questi segni che ci legano e lo facciamo nella nuova piazza Euripide, in questo luogo che possiamo definire sacro in cui si ritrovano i credenti che pregano e i laici che sperano”.

“La lacrimazione della Madonna – ha detto l’arcivescovo Lomanto – è un evento che segna profondamente la storia e la vita di Siracusa. È un segno che va conservato nel cuore e nella memoria per dare un senso sempre più profondo all’identità collettiva e alla connotazione ecclesiale dell’Arcidiocesi. Pensare a Maria significa pensare anche alla sua connotazione visibile in un linguaggio così interiore e profondo che deve interpellare chiunque si accosta a questo evento e chiunque passi in questo luogo”. Durante la cerimonia, il sindaco Italia ha ringraziato la Federfiori che ha donato una composizione floreale a ornamento della nuova lapide.


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto