News

Siracusa, vertenza “Spaccio alimentare”, protesta lavoratori licenziati davanti al centro commerciale

SIRACUSA – Manifestazione spontanea, questa mattina, degli ex lavoratori Cambria (“Spaccio alimentare”), supermercato ubicato fino a poco tempo fa dentro il centro commerciale ex Papiri, ormai Archimede. Oltre 70 lavoratori e lavoratrici si sono ritrovati davanti al centro commerciale per rivendicare il loro posto di lavoro.

Secondo quanto si rende noto in un comunicato congiunto Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, ad accomunarli “l’esasperazione per la procedura di licenziamento collettivo, per il possibile esaurirsi della percentuale di retribuzione della cassa integrazione e la notizia di un possibile ritiro dell’interesse finora manifestato con un’offerta vincolante nell’ambito del concordato di ristrutturazione della distribuzione Cambria, da parte del Gruppo Arena”.

Allertati e presenti sul posto, infatti, anche i tre segretari provinciali delle tre suddette sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, rispettivamente Alessandro Vasquez, Teresa Piantacorona e Anna Floridia.

“Siamo fortemente preoccupati per il destino di questi lavoratori e delle loro famiglie – affermano congiuntamente i tre segretari – Abbiamo richiesto, in queste ultime settimane, di essere convocati dalla commissione lavoro dell’Ars ed un’altra richiesta l’abbiamo inoltrata al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. La dimostrazione spontanea di oggi è un segnale inequivocabile che questa vertenza sta esplodendo sia da un punto di vista sociale che da un punto di vista dell’ordine pubblico. Nessuno può sottrarsi e sentirsi esime da ciò che sta succedendo ed invitiamo tutti gli organi preposti ad un grande senso di responsabilità, comprese le tre aziende, distribuzione Cambria, Cds holding (proprietaria del centro commerciale) e gruppo Arena, in virtù dell’interesse manifestato in tribunale con un’offerta vincolante”.


getfluence.com
In alto