pubblicità elettorale
News

Teatro greco di Siracusa, applausi per il debutto dell’Aiace di Micheletti

SIRACUSA – Aiace di Sofocle, diretto e interpretato da Luca Micheletti, ha inaugurato ieri sera la 59ª stagione di rappresentazioni classiche al Teatro greco di Siracusa.

Prima dell’inizio dello spettacolo, Francesco Italia, presidente dell’Inda e Marina Valensise, consigliere delegato e sovrintendente ad interim dell’Inda, hanno annunciato al pubblico il programma della 60ª Stagione al Teatro greco di Siracusa. Nel 2025 l’Inda metterà in scena Edipo a Colono di Sofocle per la regia di Robert Carsen nella traduzione di Francesco Morosi, Elettra di Sofocle per la regia di Roberto Andò nella traduzione di Giorgio Ieranò e Lisistrata di Aristofane per la regia di Serena Sinigaglia nella traduzione di Nicola Cadoni. Nel mese di luglio del 2025, il regista, coreografo e direttore artistico Giuliano Peparini presenterà in anteprima mondiale a Siracusa una nuova creazione originale incentrata sull’Iliade

Lo spettacolo, nella traduzione di Walter Lapini con le musiche originali di Giovanni Sollima eseguite dal vivo da un ensemble, la scena e le luci di Nicolas Bovey e i costumi di Daniele Gelsi in collaborazione con Elisa Balbo ha emozionato il pubblico del Teatro greco. In scena lo stesso Micheletti che in questo allestimento riveste il doppio ruolo di regista e interprete di Aiace; con lui sul palco Daniele Salvo nel ruolo di Odisseo, Diana Manea (Tecmessa), Roberto Latini (Atena e il messaggero), Tommaso Cardarelli (Teucro), Michele Nani (Menelao), Edoardo Siravo (Ate/Thanatos), la piccola Arianna Micheletti Balbo nel ruolo di Eurisace e poi ancora Giorgio Bongiovanni, Lorenzo Grilli, Mino Manni e Francesco Martucci (corifei), Giovanni Accardi, Gaetano Aiello, Ottavio Cannizzaro, Pasquale Conticelli, Giovanni Dragano, Raffaele Ficiur, Gianni Giuga, Paolo Leonardi, Marcello Mancini e Marcello Zinzani. A completare il cast i ragazzi dell’Accademia Inda, la scuola di teatro intitolata a Giusto Monaco e poi i musicisti Francesco Angelico, Christian Barraco e Cecilia Costanzo (violoncelli), Giovanni Caruso (percussioni), Giuseppina Vergina (arpa), Marcello Zinzani (clarinetto) e Paolo Leonardi (trombone). 

Foto crediti: Franca Centaro

Tragedia dell’orrore e della follia, Aiace è anche una potente meditazione sulla condizione dell’uomo in lotta con il proprio destino incerto e spesso insensato – sono le parole di Luca Micheletti – Il suicidio dell’eroe arcaico prefigura il passaggio a una nuova società di cui Odisseo è paradigma: se Aiace soccombe perché non sa perdonare il suo errore e abbracciare la propria condizione di creatura fallibile, Odisseo, al contrario si fa ambiguo portavoce della complessità dell’umano, attinge con sgomento e saggezza ad un nuovo sapere: è finita l’era degli eroi”. 

Questa sera, alle 19, il secondo debutto della stagione con la prima della Fedra (Ippolito portatore di corona) di Euripide per la regia di Paul Curran nella traduzione di Nicola Crocetti. Domani, domenica 12 maggio, alle 9, l’inaugurazione della XXVIII edizione del Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani a Palazzolo Acreide con oltre 2 mila studenti che arriveranno da tutta Europa dal 12 maggio al 4 giugno per esibirsi sul palco del Teatro di Akrai. 


La Gazzetta Siracusana su facebook

LE CITTÀ DEL NETWORK

Copyright © 2023 La Gazzetta Siracusana.it
Testata editoriale iscritta al ROC con numero 25784
Direttore responsabile: Cecilia Casole
PF Editore di Forestiere Pietro - P. IVA 01864170897

Copyright © 2016/2023 PF Editore

In alto