News

Floridia, presentato il manuale “Pre-occuparci” per contrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo

FLORIDIA – “Bulli non si nasce” è stato il tema di un convegno che si è svolto nell’aula conferenza del centro servizi di contrada Vignarelli. L’evento è stato organizzato dal IV Istituto Comprensivo “S. Quasimodo”. Nel corso del convegno è stato presentato il “MANUALE PRE-OCCUPARCI” Manuale organizzativo e operativo per l’istituzione scolastica, di prevenzione e contrasto al bullismo, al cyberbullismo e a ogni forma di disagio. “PIOS-Protocollo interattivo operativo a scuola”. Un Progetto di “ricerca-azione” predisposto in relazione alle esigenze educative del contesto scolastico, in grado di superare la distanza esistente tra teoria e pratica.

Il manuale, ad oggi unico nel suo genere, per l’approccio empirico e multidisciplinare, in quanto coinvolge diverse professionalità, che trattano l’argomento e offrono soluzioni e suggerimenti da diverse prospettive, oltre a fornire strumenti di conoscenza e informazione del fenomeno, traccia un efficace iter tecnico – didattico – psicopedagogico – normativo, di interventi per la lotta ai fenomeni del bullismo, cyberbullismo e all’evasione scolastica. Per questo primo anno sarà testato a livello nazionale presso l’Istituto Comprensivo “Salvatore Quasimodo” di Floridia (SR). All’evento moderato dal prof. Salvatore Cantone, Dirigente Scolastico dell’I. C. “S. Quasimodo”, sono intervenuti: l’On.le dott.ssa Lucia Azzolina, già Ministro dell’istruzione, la prof.ssa Elena Ferrara, senatrice della Repubblica, promotrice e prima firmataria della legge 71/2017 sul cyberbullismo; la dott.ssa Caterina Ajello, già Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Catania. il Dott. Marco Carianni Sindaco del Comune di Floridia, la prof.ssa Paola Gozzo, assessore all’istruzione e alla cultura del Comune di Floridia, il dott. Elio Garozzo coordinatore attività di servizio del Kiwanis distretto Italia –S.M.  Erano presenti gli autori del manuale: il prof. Giancarlo Pavano (ideatore e promotore del manuale Pre-Occuparci e del protocollo “PIOS”, esperto in organizzazione scolastica); la dott. Marilena Masuri, (Psicologa Scolastica); la dott.  Delia Ginardi (Avvocato, comp. comm. diritti umani C.O.A. di Catania).

L’assessore Paola Gozzo ha sottolineato che “Il bullismo e il cyberbullismo ovviamente sono una tematica di grande attualità. Purtroppo è un fenomeno che riguarda non solo Floridia ma riguarda in generale una fascia di età che va dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado e anche un po’ oltre. Voi sapete che fino ai 16 anni quando ci sono atteggiamenti di arroganza, violenza, superiorità nei confronti di persone considerate più deboli si parla appunto di bullismo. E’ un fenomeno che va attenzionato che si è e grazie a questo incontro si potranno avere degli strumenti speriamo utili e che possono essere utili alle famiglie e ai docenti”.

La promotrice della legge 71/2017 senatrice Elena Ferrara ha dichiarato: “In questi otto anni in cui sto lavorando su questo tema ho raggiunto un numero di 800 incontri con i ragazzi delle scuole, i genitori, gli insegnanti. Quindi oltre a una legge, fa parte mia c’è stato in questi anni un grande ascolto di quelli che erano i bisogni rispetto ad un fenomeno psico-sociale che sta crescendo moltissimo che è quello del cyber-bullismo. Io parto dal presupposto che sia soprattutto il fatto che i ragazzi sulla rete costruiscono la loro identità digitale, la loro web reputation lo costruiscono sulla base ai modelli culturali, spesso narcisistici basati su alcuni modelli su come si vorrebbe essere e magari non si è.  Il fatto che le dinamiche relazionali anche già presenti nelle nostre scuole come quella delle prevaricazioni tra pari oggi siano esplose anche a fronte del fatto che sulla rete si percepisca meno il disvalore delle cose che diciamo cioè l’offesa è la normalità sulla piattaforma digitale. Eppure su quella piattaforma davvero loro hanno depositato sogni, i loro desideri, i loro primi amori e quindi dobbiamo cercare di umanizzare questa rete crescendo tutti in cittadinanza digitale. Non possiamo permetterci i primi noi a metterci in discussione ed è una sfida educativa molto alta perché per la prima volta noi ci troviamo di fronte a gap preadolescenti e anche al di sotto dei 10 anni che hanno degli account aperti e che sono di fatto delle finestre aperte sui pericoli della rete. La rete ha tante opportunità ma loro non hanno gli strumenti ne cognitivi, ne emotivi per intercettare queste pericolosità. Quindi docenti, scuola in primis insieme alle famiglie ma anche insieme alle forze dell’ordine ecco che ha senso fare dei protocolli, rete di scuole, lavorare insieme per far capire che c’è un’alleanza educativa che può sostenere i ragazzi anche quando sbagliano e quindi dare loro la possibilità di vivere in rete anche serenamente”.

La deputata Lucia Azzolina già ministro della pubblica istruzione afferma: “Alla Quasimodo ho avuto modo di rispondere a tantissime domande dei bambini sul bullismo e sul cyberbullismo. E’ stato un incontro molto bello perché sono spontanei e non hanno peli sulla lingua. Il tema del bullismo e del cyber-bullismo dovrebbe essere della politica e se posso la politica dovrebbe dare anche l’esempio evitando qualsiasi forma di bullismo e cyber-bullismo che purtroppo spesso vediamo anche in politica”.

Giancarlo Pavano: “Il manuale è un documento che tenterà di sostenere i docenti a cercare in qualche modo di capire tutto quello che il ministero negli anni ha prodotto e farlo in una forma molto sintetica quindi vi è tutta una procedura operativa e organizzativa che dà delle forme molto semplici la possibilità che attraverso questa organizzazione di poter tutti insieme agli insegnanti anche con il sostegno di esperti esterni risolvere o affrontare la tematica del bullismo e del cyber-bullismo in forma molto organizzata. Poi dà anche la possibilità e valorizzare lo psicologo della scuola, perché fino ad oggi lo psicologo aveva fatto solo lo sportello di ascolto, adesso invece sarà lui vicino agli insegnanti e ci spiegherà quali sono le dinamiche che stanno per sorgere al fine di poter sicuramente ottenere il risultato migliore in breve tempo prima che da micro-bullismo la problematica si evolva in bullismo. Questo manuale sarà testato presso l’Istituto Comprensivo “S. Quasimodo” di Floridia fino al mese di maggio 2022. Abbiamo già fatto la formazione ai coordinatori di classe, ai referenti e adesso dobbiamo lavorare”.

 


In alto