Magazine

La Patagonia e i Mapuche, dopo i Benetton

La Patagonia è la regione dell’America meridionale che si estende per oltre 900.000 km², delimitata ad ovest e a sud dalle Ande e ad est da ripiani montuosi e bassopiani. Per indicare i nativi delle sue terre, Ferdinando Magellano fu il primo a coniare il termine patagoni, con cui si identificano ancora oggi le comunità degli antenati Tehuelche, i Mapuche.

  • L’attività di rimboschimento dei Benetton in Patagonia

Fino a pochi anni fa la Patagonia era fortemente penalizzata dalla conformazione territoriale rispetto alle altre aree del Paese: zone montuose, intere aree steppose, suolo poco fertile e forte vento la rendevano scarsamente produttiva in termini agricoli e spesso inidonea al pascolo per le popolazioni autoctone.

L’approccio di più aziende presenti sul territorio, fra cui Cia de Tierras, ha contribuito notevolmente a rivalutare una situazione complessa di partenza, sfavorita da un clima predominante semiarido con inverni freddi e soggetti a gelate.

L’intervento per il recupero di Cia de Tierras fu sostenuto da parte della famiglia Benetton, che la acquisì nel 1991: 446.000 ettari che comprendevano Maitén, Leleque, Montoso, Pilcañeu e Alicura. A distanza di soli due anni, in Chubut, fu avviata una attività di rimboschimento a fronte di un investimento di circa 8 milioni di dollari.  Oltre ai benefici attesi in termini di riduzione di inquinamento riversato nell’atmosfera, e di riscaldamento globale, il potenziale dell’operazione era rivolto ad offrire nuovi habitat per la flora e la fauna selvatica a rischio.

L’attività di riforestazione – che ha raggiunto i 9.700 ettari nel 2020 – mira anche ad un risvolto produttivo dopo i 40 anni: produzione di legname eco-sostenibile, con rimboschimento continuo a fronte dell’attività produttiva.

– Le attività di allevamento estensivo e di agricoltura di precisione

Nelle province del Chubut, del Rio Negro e Santa Cruz, i terreni consentono solo l’allevamento di ovini e, in misura minore, di bovini. Cia de Tierras è intervenuta mantenendo intatte la flora e la fauna locale con allevamenti di tipo estensivo, che favoriscono condizioni naturali di vita degli animali allevati e l’ottenimento della lana prodotta con criteri biologici (certificazione Nativa e Organic).

A livello agricolo, a nord, nell’azienda di Santa Marta – più fertile e produttiva, è stata avviata l’agricoltura di precisione, per superare i problemi legati alla disomogeneità territoriale, seguendo le caratteristiche biochimiche e fisiche del suolo.

Le moderne tecniche agricole applicate oggi consentono di coltivare:

  • mais
  • grano
  • soia
  • girasole

beneficiando di strumenti avanzati, quali informazioni satellitari e droni.

– L’attività sociale a favore delle popolazione Mapuche

Cia de Tierras inoltre dal 2011 ha contribuito a diverse azioni di carattere socio-culturale a favore delle popolazioni Mapuche:

  • ha consegnato materiale sanitario per l’emergenza Covid-19 all’ospedale di Esquel e strumentazione all’ospedale di Maiten per fare ecografie;
  • ha contribuito al sostentamento di case di riposo e asili;
  • ha partecipato alla costruzione di un Palazzetto dello Sport alla città Maitèn;
  • ha contribuito al restauro della biblioteca pubblica Niños Lectores a Buenos Aires Chico;
  • ha donato un centro comunitario a Cushamen.

In alto