Politica

Melilli, l’amministrazione retta da Corradino replica all’opposizione: “Stiamo dimostrando responsabilità e autorevolezza”

MELILLI – “Non solo rispediamo al mittente le accuse di un’opposizione che, non avendo argomentazioni politiche valide, cerca di lanciare una disperata richiesta di aiuto alla deputazione aretusea, ma anche ricordiamo, per l’ennesima volta, che chi si sta erigendo a censore, ha negli anni buttato fango e discredito sull’onorabilità del Comune di Melilli. Noi dal canto nostro come Amministrazione comunale e gruppo “Uniti per cambiare” siamo compatti e convinti che la strada intrapresa sia corretta e risponda alle esigenze della cittadinanza melillese”. Così, in una nota trasmessa alla stampa dal presidente del consiglio comunale, Rosario Cutrona e sottoscritta da “L’amministrazione comunale“, la maggioranza interviene a difesa del sindaco Giuseppe Carta, attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Muddica” e sospeso in virtù della legge Severino.

L’amministrazione è retta dallo scorso febbraio dal vice sindaco Giuseppe Corradino, quale sindaco facente funzioni, e nel frattempo ha perso due importanti pezzi della maggioranza, due dei consiglieri comunali più votati, passati al gruppo misto: Daniela Ternullo, già vicesindaco e attuale deputato regionale supplente, e Salvo Cannata, predecessore di Cutrona alla presidenza del consiglio comunale.

L’intervento dell’amministrazione comunale arriva oggi in replica alla nuova richiesta di dimissioni indirizzata a Carta da parte del gruppo consiliare di opposizione “Ritorniamo al futuro”, che ha rivolto un appello anche a partiti e parlamentari presenti in provincia a tutti i livelli.

“Questa Amministrazione comunale sta, invece, dimostrando un grande senso di responsabilità ed autorevolezza – prosegue la nota di replica – tenendo la schiena dritta anche in presenza di immotivati attacchi politici che tendono solo a strumentalizzare l’autonomia della Magistratura, gettando fango sul Comune di Melilli, che comunque non solo ha garantito continuità amministrativa, ma si è sin da subito attivato affinché vi fosse maggiore trasparenza ed efficienza”.

Una maggioranza che rivendica così l’attività amministrativa svolta in questi mesi: “Questa Amministrazione, sebbene tra mille difficoltà, ha provveduto, giusto per indicare alcuni passi programmatici concreti, ad approvare il bilancio di previsione, quale primo Comune in tutta la provincia di Siracusa, nonché a svolgere un ruolo primario nella vicenda dell’I.A.S. S.p.A., occupandosi del futuro di una infrastruttura strategica per la zona industriale e per il territorio del comune di Melilli, e su questo tutte le parti ci riconoscono il merito di avere tenuto alto un senso istituzionale di rispetto e di ricerca di ogni possibile soluzione. Sul versante interno, è stato avviato un percorso programmatico-formativo sull’anticorruzione, la trasparenza e l’efficienza della Pubblica Amministrazione, che vede coinvolti tutti i dipendenti dell’Ente, al fine di fornire ogni aggiornamento professionale utile per l’esercizio del delicato ruolo lavorativo che assolvono”.

E non lesina contrattacchi indirizzati ad alcuni dei consiglieri del gruppo di opposizione: “Non vorremmo che l’opposizione, con questa macchina del fango mediatica, cercasse di sovvertire ciò che non è riuscita ad ottenere con il consenso elettorale prima, e poi con i provvedimenti della Giustizia Penale e, per ultimo della Giustizia Amministrativa. Vorremmo ricordare al consigliere Sorbello che quando è stato sospeso per effetto della Legge Severino nella scorsa legislatura, non si è posto mai il dubbio di dimettersi da deputato regionale e da consigliere comunale, sebbene fosse stato sospeso per più di 18 mesi. A tal riguardo, vogliamo ricordare al consigliere Sbona, che egli è stato presidente del Consiglio comunale e che ha assistito, conservando il suo posto di presidente e senza assurgere al ruolo di censore, alle vicende che hanno visto, nella scorsa legislatura, il Sindaco sospeso e oltretutto con una reggenza del vice sindaco prima, e dopo dell’assessore anziano”.


getfluence.com
In alto