Cronaca

Melilli, operazione “Muddica”, confermati i domiciliari per il sindaco Carta

MELILLI – Il Tribunale del riesame di Catania ha disposto la conferma degli arresti domiciliari per il sindaco di Melilli, Giuseppe Carta. L’arresto era avvenuto il 13 febbraio scorso nell’ambito dell’operazione denominata “Muddica”.

L’ordinanza di custodia cautelare è stata annullata per i capi di imputazione relativi all’associazione a delinquere, corruzione e alla tentata truffa. Resta indagato per i reati di abuso d’ufficio, falso e di turbativa d’asta. Al sindaco è stato fatto divieto di comunicare con persone che siano diverse dai familiari suoi conviventi e dai suoi legali. Non è esclusa a questo punto la decisione di ricorrere in Cassazione.

Carta era già stato sospeso dalla carica di sindaco con provvedimento del Prefetto di Siracusa, in applicazione della legge Severino.

Nei giorni scorsi era stato rimesso in libertà dal Riesame l’ex assessore e vicesindaco di Melilli, Stefano Elia (vedi articolo), destinatario della medesima misura cautelare degli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Muddica”. Ed era stato revocato dal Gip di Siracusa il divieto di dimora nel comune Francofonte a carico del sindaco di Francofonte, Daniele Lentini, indagato nella sua qualità di funzionario del Comune di Melilli, rispetto a cui permane il divieto di dimora.


getfluence.com
In alto