Cronaca

Rosolini, non si fermano all’alt dei carabinieri, spericolato inseguimento notturno: arrestati due fratelli

ROSOLINI – Nella notte appena trascorsa, i carabinieri della compagnia di Noto, impegnati in un posto di controllo della circolazione stradale in territorio di Rosolini, hanno tratto in arresto in flagranza del reato di concorso in resistenza a pubblico ufficiale i fratelli Giovanni e Giorgio Di Mare, rispettivamente di 20 e 22 anni, entrambi rosolinesi.

L’equipaggio della Radiomobile, nel corso dei controlli lungo la strada statale 115, avrebbe intimato l’alt ai due fratelli che la percorrevano in direzione di Rosolini a bordo di una autovettura Lancia Ypsilon. Alla vista dei militari, avrebbero immediatamente deviato la direzione di marcia ed imboccato la strada provinciale 17 in direzione di Modica.

I militari si sono allora posti all’inseguimento dell’autovettura, anche attraverso vie interpoderali, fino a Rosolini. Il Di Mare alla guida avrebbe tenuto una condotta di guida spericolata, procedendo a velocità sostenuta, mettendo in serio pericolo la propria incolumità, quella dei militari operanti nonché quella degli altri utenti della strada.

Dopo un lungo inseguimento, i carabinieri hanno avuto la meglio riuscendo, senza provocare danni a persone o cose, a bloccare l’autovettura dei due e ad accompagnarli in caserma, dove è stato operato l’arresto. Dopo le formalità di rito i fratelli Di Mare, su disposizione della Autorità giudiziaria competente, sono stati condotti agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

(foto di repertorio)


In alto