Elezioni amministrative 2018

Siracusa, ballottaggio, Italia apre l’eventuale giunta a Randazzo, Moschella e Granata. Proposto un “patto fondativo”

SIRACUSA – “In questi giorni frenetici di avvicinamento al ballottaggio, ho incontrato i candidati sindaci Randazzo, Moschella e Granata, chiedendo a ciascuno di loro la condivisione dei punti programmatici e la disponibilità a fare parte della squadra di governo anche attraverso l’integrazione del programma elettorale”. Così il candidato sindaco Francesco Italia, vicesindaco nell’amministrazione uscente di Giancarlo Garozzo, prova a riunire intorno a sé tre degli avversari del primo turno, facendo riferimento a un “patto fondativo”.

“Ritengo infatti che ciascuno di loro possa farsi garante, all’interno della futura Giunta, di quei temi portati avanti in campagna elettorale e considerati politicamente qualificanti e che da domani possono diventare non più esclusiva di una parte ma patrimonio comune”, aggiunge.

Sui cinque punti programmatici offertigli da “Prossima“, la lista guidata dall’ex collega di giunta Valeria Troia, afferma: “Ho accolto molto volentieri i punti programmatici proposti da Prossima perché li reputo mirati e importanti, e sono pronto a declinarli all’interno del programma elettorale. Il grande risultato che ci ha portato al ballottaggio è una porta che si spalanca verso una dimensione più ampia e che ci permette di accogliere nuovi compagni di viaggio”.

Italia fornisce la sua chiave di lettura del ballottaggio del 24 giugno che lo vedrà opposto a Ezechia Paolo Reale: “Non si tratta solamente di una parte di elettorato contro un’altra ma dell’intera comunità dei siracusani liberi che si unisce per contrastare la politica degli affari e dei compromessi al ribasso, quella delle stesse facce e degli stessi cognomi, anno dopo anno, elezione dopo elezione”.

“Il nostro è un progetto di condivisione fondato sui valori della legalità, dell’inclusione, della partecipazione e dell’identità, un progetto che mette al centro la collettività e la città. Per questo motivo, voglio rivolgermi a tutti gli elettori che il 10 giugno hanno votato per Giovanni Randazzo, per Fabio Moschella, per Silvia Russoniello e per Fabio Granata, a quella parte di città che vuole una Siracusa libera e che vuole dare peso ai contenuti che singolarmente abbiamo portato avanti in campagna elettorale e che condividiamo”, aggiunge Italia estendendo l’appello anche all’elettorato del Movimento 5 stelle.

“Il 24 giugno andiamo avanti insieme, unitevi a noi, con il vostro aiuto, con la vostra fiducia, siamo certi di farcela”, conclude il candidato a sindaco.

(foto di repertorio)


In alto