Elezioni amministrative 2018

Siracusa, elezioni amministrative, Reale incassa l’appoggio di Scrofani e Mangiafico. “Entusiasmo crescente su questo progetto civico”

SIRACUSA – “Registro un entusiasmo crescente intorno al progetto civico che mi riconosce come punto di coesione di un nuovo governo della città pensato da cittadini per i cittadini”. Ezechia Paolo Reale, già candidato a sindaco nel 2013 con un progetto civico, quando venne sconfitto da Giancarlo Garozzo al ballottaggio, è in rampa di lancio per ritentare l’assalto al Vermexio.

Nelle ultime settimane Reale ha incassato la convergenza dell’assessore dimissionario centrista Gianluca Scrofani, il quale aveva annunciato un paio di settimane fa due liste civiche per la prossima tornata elettorale, e di Michele Mangiafico, già al suo fianco con una lista personale nel 2013, poi transitato per un breve periodo in Fratelli d’Italia. Mangiafico, per l’occasione, ha rilanciato la sua associazione politico-culturale “Le Formiche”, inaugurando sabato, proprio insieme a Reale, la nuova sede di via Servi di Maria.

“Dopo l’invito di Progetto Siracusa, che ringrazio per la costante fiducia – ricorda Reale -, è arrivato il sincero supporto della lista civica “Cantiere Siracusa” ed oggi anche Michele Mangiafico e la sua associazione “Le Formiche” scendono in campo chiedendo la mia candidatura”.

“Ringrazio tutti loro che, per il bene comune, stanno ricompattando quel fronte civico che tanto entusiasmo e speranza ha generato nel 2013 – aggiunge – ed auspico non solo che gli amici di quella sfida tornino a combattere insieme ma che l’alleanza civica si allarghi al contributo di tanti altri che sappiano scegliere l’interesse comune ponendo tra parentesi legittime aspirazioni personali e di rappresentanza di parte o di partito”.

Conclude rivolgendo un pensiero a Scrofani: “Una menzione speciale, in tale ottica, merita Gianluca Scrofani, che ha preferito rinunziare subito alla propria candidatura per favorire lo sforzo di creare una vera comunità che, ricca delle proprie diversità, possa dare risposta forte ed immediata alle molte esigenze di una città prigioniera di liti ed invidie e sfregiata nella propria immagine”.


getfluence.com
In alto