News

Siracusa, graduale rientro alle scuole superiori, il piano prefettizio: potenziamento trasporti dal 15 gennaio

SIRACUSA – Nell’ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza e pubblicata in Gazzetta ufficiale, che ha recepito le linee guida approvate il 23 dicembre scorso in sede di Conferenza unificata tra governo nazionale ed enti locali, si legge che “ai fini del contenimento dell’epidemia da Covid-19, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica” in modo che “dal 7 gennaio al 15 gennaio 2021, sia garantita l’attività didattica in presenza al 50 per cento della popolazione studentesca” mentre “la restante parte dell’attività è erogata tramite la didattica digitale integrata”.

In questa prima fase, la linea di azione in provincia di Siracusa stabilita dal tavolo di coordinamento presieduto dal prefetto Giusi Scaduto (nella foto di repertorio in copertina) prevede che “rientrerà a scuola il 50 per cento degli studenti delle scuole superiori, mantenendo invariato l’attuale modulo organizzativo delle attività didattiche e del servizio trasportistico”.

Solo successivamente quindi, ove non intervengano ulteriori diverse disposizioni, troverà attuazione il documento operativo condiviso dal tavolo prefettizio, in base al quale, “ferma restando l’unicità della fascia oraria in ingresso e in uscita, sarà garantita la didattica in presenza del 75 per cento della popolazione studentesca attraverso il potenziamento, per sei giorni alla settimana, di 20 mezzi aggiuntivi per le tratte ivi individuate (il documento è consultabile sulla home page del sito istituzionale della Prefettura)”.

Nel corso della riunione svolta ieri in modalità telematica, presieduta dal Prefetto con la partecipazione di rappresentanti dell’Ufficio scolastico provinciale, delle Società di trasporto e dell’Associazione nazionale autotrasporto viaggiatori, è stato altresì concordato di “effettuare un costante monitoraggio, al fine di intervenire tempestivamente per la risoluzione di eventuali e specifiche problematiche che dovessero emergere”.


In alto