News

Siracusa, sanità pubblica nell’anno della pandemia, da Fp Cisl soddisfazione per bonus Covid e progressione economica orizzontale

SIRACUSA – “È urgente ed indispensabile procedere ora ad una condivisa revisione del modello organizzativo aziendale, in grado di contemperare la previsione di ampliamento dei posti letto di alcuni servizi e quelle di riapertura di altri senza pregiudizio delle condizioni di sicurezza dei lavoratori e degli assistiti e nella considerazione che il ricorso al lavoro straordinario vada adeguato al dettato del Contratto nazionale”. Lo affermano in una nota congiunta il segretario generale della Funzione pubblica della Cisl di Ragusa e Siracusa, Daniele Passanisi e il responsabile del Dipartimento Sanità pubblica della Fp Cisl di Siracusa e Ragusa, Mauro Bonarrigo, tracciando un consuntivo sull’attività sindacale svolta nel corso dell’ultimo anno.

“Anche in tempo di Covid vanno avanti le trattative sindacali – sottolineano Passanisi e Bonarrigo – È prova tangibile la definizione della procedura di Progressione economica orizzontale, cosiddetta fascia retributiva economica, in favore del personale avente titolo, fortemente richiesta dalla Cisl Fp Ragusa Siracusa perché considerata una prima risposta ai lavoratori della Sanità in un anno che ne ha forzatamente segnato la crescita professionale, dato il maggiore impegno organizzativo ed assistenziale dettato dal particolare ruolo rivestito nel contrasto alla diffusione dell’emergenza virale. In questo scenario abbiamo pressato per l’attribuzione e la liquidazione anche dell’incentivo bonus-covid, relativo al finanziamento aggiuntivo nazionale, da distribuire ai lavoratori in base alle tre fasce di intensità previste nell’accordo sindacale con il Governo regionale siglato già nel mese di giugno, per cui l’amministrazione ha già provveduto ad inviare i dati necessari all’Assessorato regionale della Salute”.

In merito al confronto tenuto negli scorsi mesi tra la Fp Cisl Ragusa Siracusa e i vertici dell’Asp di Siracusa per il raggiungimento di obiettivi a lungo attesi dal personale, Passanisi e Bonarrigo concludono: “Facciamo intanto il nostro plauso all’intero management dell’Asp di Siracusa per l’intensificazione delle relazioni sindacali sulle questioni di carattere generale, auspicando che la prosecuzione della contrattazione di secondo livello avvenga in un clima di confronto e collaborazione che riteniamo fondamentale per il miglioramento dell’assetto organizzativo della Sanità siracusana, attraverso l’attribuzione degli incarichi di funzione e dei coordinamenti al personale del comparto, complementari alle Direzioni delle strutture organizzative come recentemente richiamato dal direttore generale, da determinare, ovviamente, nel rispetto del nuovo atto aziendale ma anche, e soprattutto, della nuova dotazione organica, al fine di potere garantire, nel giusto rapporto, la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e della collettività sociale”.

(Foto generica)


In alto