News

Siracusa, grande adesione alla campagna di prevenzione LILT rivolta agli uomini

SIRACUSA – Per il terzo anno consecutivo, la LILT di Siracusa ha dedicato molti sforzi per l’attività di prevenzione e sensibilizzazione per il carcinoma alla prostata. Così come per la campagna “Nastro Rosa”, l’iniziativa “Movember” (frutto della fusione tra i sostantivi inglesi “moustache”, baffi, e “november”, novembre appunto) ha visto grandi numeri per visite ed esami strumentali e clinici.

“Un cammino, quello della prevenzione al maschile, un po’ più complesso – afferma il presidente della LILT provinciale Claudio Castobello – ma che a poco a poco comincia a far intravedere i primi risultati incoraggianti. Un plauso doveroso lo rivolgo alle donne e alla loro doti persuasive. Quest’ultime per l’occasione hanno coinvolto mariti, compagni, amici e familiari non solo ad indossare baffi ma a sottoporsi agli screening”.

Infatti ricordiamo che il simbolo del mese dedicato alla prevenzione maschile sono i baffi, e fotografarsi con baffi veri e finti era la manifestazione di sensibilizzazione promossa dalla LILT su scala nazionale. Grande clamore ha suscitato l’azione dei “MoBra” e delle “MoSista” (letteralmente fratelli e sorelle con i baffi). Numerose, infatti, sono le foto apparse in rete e suoi media di testimonial baffuti. Quindi, con oltre trecento visite ed altrettante ecografie prostatiche, si chiude il Movember 2016 per la LILT aretusea.

Conclude Castobello: “Non possiamo che essere contenti per la partecipazione, per l’interesse dimostrato e per essere arrivati lontano a colpo di baffi. Siamo riusciti a far capire a molte più persone rispetto alla scorsa edizione, quanto sia importante prevenire. Non ci stancheremo mai di dirlo: prevenire è vivere”.


In alto