News

Volo Catania-Lourdes con 9 ore di ritardo, a terra 65 pellegrini tra cui due siracusani

SIRACUSA – La compagna aerea rinvia improvvisamente il volo Catania-Lourdes di stamani alle 6,30 a sessantacinque pellegrini siciliani, tra cui due carlentinesi, che rimangono bloccati all’aeroporto di Catania (nella foto di repertorio) anziché raggiungere la cerimonia di apertura di un pellegrinaggio da tempo programmato nella cittadina francese sui Pirenei.

A causare il rinvio del volo della compagnia aerea bulgara “Electra Airways” diretto a Lourdes, meta di milioni di pellegrini ogni anno, è stato un guasto all’aeromobile, che sarebbe stato comunicato al tour operator alle 5 del mattino. Il volo risulta attualmente rinviato alle ore 15,25 di oggi, cioè con quasi 9 ore di ritardo.

Quindi la delusione e i disagi per il gruppo di pellegrini di Ali Terme (Messina), accompagnati dal parroco don Vincenzo D’Arrigo, di Misterbianco (Catania), con il parroco don Placido Chisari, oltre che di altri comuni delle tre province della Sicilia orientale, compresi due carlentinesi. Per fortuna i pellegrini, tra cui due persone diversamente abili, grazie alla sensibilità del tour operator catanese, sono stati trasferiti in un hotel vicino all’aeroporto “Fontanarossa”, dove sono stati rifocillati e accuditi e hanno ricevuto l’adeguata assistenza.

Il corposo gruppo siciliano doveva atterrare questa mattina a Lourdes, alle 9,30, per raggiungere la Grotta di Massabielle (meglio nota come la grotta delle apparizioni della Vergine Maria) e partecipare all’apertura del pellegrinaggio, un programma irrimediabilmente compromesso dopo l’amara scoperta fatta nell’aeroporto di Catania.

“Eravamo all’aeroporto – racconta Salvatore Di Salvo, giornalista carlentinese – in attesa che aprisse il gate, ma ad un certo punto ci hanno comunicato che il volo di  partenza della compagnia, previsto per le ore 6,30 era stato rinviato alle 16,30 del pomeriggio per un guasto. Così abbiamo chiesto alla responsabile del tour operator, la quale ci ha informato della comunicazione della compagnia che aveva rinviato nel pomeriggio la partenza. L’agenzia ci ha trasferito in bus in un hotel, vicino all’aeroporto, e sistemato in un albergo a loro spese, fino al pomeriggio”.

“Un pellegrinaggio che non ci ha permesso di seguire la cerimonia d’apertura del pellegrinaggio – aggiunge Di Salvo con rammarico – Un momento intenso carico di spiritualità, atteso da anni, guastato da questo problema. Ci siamo preparati per partecipare ad intense giornate di spiritualità nel posto più importante dove la Madonna è apparsa a Bernadette. Non possiamo recuperare la giornata di oggi. Il tour operator ha comunicato la riprogrammazione del pellegrinaggio, ma non è stato possibile a causa delle ferie programmate che non ci permettono di spostare il pellegrinaggio”.


In alto